Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La narrativa di James Cain

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 sono sembrate un po’ esagerate anche sulla base della mia personale esperienza empirica. (Non stiamo naturalmente parlando della popolarità a livello critico, ma di semplice conoscenza a livello, per così dire, popolare). Dato che tutti coloro ai quali ho parlato di James Cain si sono illuminati solo dopo aver scoperto che era l’autore di The Postman Always Rings Twice 3 , sono arrivata alle due seguenti conclusioni: o negli anni ottanta si era alla disperata ricerca di un modo per sgretolare il mito dell’American Dream, oppure Birindelli é stato tanto fortunato da venire a conoscenza dell’esistenza di una setta di Cainofili che, o si é estinta, o ha orientato le sue scelte letterarie in altre direzioni. Le osservazioni di Birindelli sono tanto più interessanti in quanto lo stesso Cain diceva di se stesso: “They 4 also make, to anybody who finds me interesting, an interesting commentary on my own development as a novelist, and as I am probably the most mis-read, mis-reviewed, and misunderstood novelist now writing, this may be a good place to say a word about myself, my literary ideals, and my method of composition 5 ”. È interessante notare, tuttavia, come alla scarsa popolarità critica (in certi casi giustificata) delle opere di James Cain corrisponda uno straordinario successo cinematografico: dagli anni ‘40 in poi, folle di cinefili hanno invaso le sale cinematografiche (e, in anni più recenti, le videoteche) per vedere le pellicole tratte dai suoi romanzi, spesso preferendo l’opera filmica all’opera narrativa dalla quale era tratta. Curioso è poi come Cain, stabilitosi in California per tentare la carriera di sceneggiatore, non abbia avuto gran successo in questo campo. In compenso, il suo stile narrativo, ha notevolmente facilitato il lavoro degli scenografi e degli sceneggiatori che si adoperavano per portare sullo schermo i suoi scritti: infatti, il dettagliato tratteggio lui»”. Cfr. Birindelli, Roberto, “Sinfonia in Nero Maggiore”; in Il bambino nella ghiacciaia, Palermo, Sellerio, 1985, p.155. Il corsivo è mio. 3 Tengo a precisare, a questo proposito, che la mia “indagine” empirica non si è limitata alla sola Italia. Infatti, ho svolto qualche “ricerca” anche in ambito inglese, francese e spagnolo. 4 Si riferisce ai romanzi contenuti nella raccolta Three of a Kind: Career in C Major, Double Indemnity e The Embezzler.

Anteprima della Tesi di Emanuela Anna Villa

Anteprima della tesi: La narrativa di James Cain, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Emanuela Anna Villa Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2197 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.