Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela della concorrenza negli Stati Uniti: il caso Microsoft

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 “Il diritto antitrust negli Stati Uniti” 1.1. Le ragioni storiche della nascita dell’antitrust in America. 1.2. Principi antitrust nei paesi della “common law”. 1.3. La normativa antitrust americana. 1.4. La “rule of reason”. 1.5. L’organizzazione antitrust negli USA. 1.6. Procedure, misure correttive e sanzioni. 1.1. “Le ragioni storiche della nascita dell’antitrust in America” La scaturigine della legislazione antitrust affonda le sue radici storico-politiche primariamente nell’esigenza comune a tutti i sistemi economici moderni, fondati sui principi liberistici, di porre un freno agli effetti distorsivi e alle aberranti storture cui è soggetta, per sua natura, un’economia libera ed aperta. Alla fine del XIX secolo si riconobbe che il “libero mercato” 1 non era in grado di equilibrarsi in maniera autonoma, come erroneamente si era sostenuto fino a quel momento. 1 Esatto contrario dell’economia pianificata (dove è lo Stato ad assumere tutte le decisioni relative alla produzione e al consumo, provvedendo all’allocazione delle risorse: lavoro, terra, materie prime, macchinari ecc.), le economie di libero mercato presuppongo un ingerenza pubblica minima. Lo Stato non interviene nell’allocazione delle risorse e le scelte in merito alla loro distribuzione dipendono da un numero imprecisato di decisioni individuali di produttori (imprese) e consumatori (famiglie) che interagiscono sui mercati. Si è ritenuto, sin dalle origini, che tale modello economico, accompagnato al “capitalismo industriale” e presupposta una condizione di “libera iniziativa economica”, fosse foriero di progresso economico. Perché ciò si avveri, il libero mercato non può prescindere dalla sua componente essenziale: la concorrenza. Questa, oltre a rappresentare la “molla” che spinge produttori e rivenditori (i protagonisti del processo economico) verso scelte sempre nuove al fine di ottenere un costante miglioramento della qualità dei prodotti, presenta innegabili benefici fisiologici: • innesca la “corsa al ribasso” dei prezzi verso quello di costo,

Anteprima della Tesi di Mauro Bacca

Anteprima della tesi: La tutela della concorrenza negli Stati Uniti: il caso Microsoft, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mauro Bacca Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3498 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.