Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Banche in movimento, la comunicazione di Veneto Banca

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 1 C’erano una volta le Grandi Banche. C’erano, anzi, le tre BIN, le banche d’interesse nazionale: Banca Commerciale, Credito Italiano e Banca di Roma. Tre colossi, così imponenti che il povero correntista le guardava dal basso in alto come un lillipuziano guardava Gulliver. Poi c’erano le Casse di Risparmio e le banche popolari, fatte a misura dell’Italia e delle sue tradizioni. Le loro sedi erano nel cuore delle città di provincia. Questo panorama è rimasto immobile per decenni. La Grande Chioccia – la Banca d’Italia – vigilava ogni mattina a che i suoi pulcini non facessero passi sbagliati. Era meglio, anzi, che non ne facessero affatto. Poi, un bel mattino, c’è stata la grande Rivoluzione. Nulla è rimasto come prima. Il Paese cresceva e il Nord Est cresceva più velocemente del resto. La Globalizzazione incalzava e i banchieri si sono accorti improvvisamente che non erano dei Gulliver come sembravano ai correntisti. Dunque occorreva crescere, espandersi, fondersi. 1 Bruno Vespa, 1° num. Rivista “Il Milione”

Anteprima della Tesi di Samantha Avigliano

Anteprima della tesi: Banche in movimento, la comunicazione di Veneto Banca, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Samantha Avigliano Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3193 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.