Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Inquinamento elettromagnetico quotidiano a frequenza industriale (50-60 Hz) in ambienti confinati. Possibili soluzioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

25 Volt/metro: unità di misura composta utilizzata per indicare il campo elettrico il quale non ha un’unità di misura dedicata. Si abbrevia con V/m. Ampere: indica l’intensità di corrente elettrica, pari a 1coulomb assoluto al secondo. Ampere/metro: indica l’intensità del campo magnetico. Coulomb: unità di misura della carica elettrica, pari alla carica di 6,24 10 18 elettroni. Hertz: indica il numero d’oscillazioni, o cicli, che il campo elettromagnetico compie in un secondo, si abbrevia con Hz. In Europa, le linee elettriche dell’alta tensione emettono campi alla frequenza di 50 Hz, mentre quelli dei telefonini arrivano a 900MHz. La frequenza dei campi elettromagnetici determina il tipo d’effetto biologico che si realizza. Tesla: è l’unità di misura utilizzata in Europa per esprimere l’intensità della componente magnetica del campo. S’indica con la lettera T e vale la relazione 1 T = 10.000 G. Per maggior comodità si utilizzano i microtesla. Gauss: indica l’intensità della componente magnetica del campo. E’ l’unità di misura utilizzata negli Stati Uniti. 1 gauss corrisponde ad un decimillesimo di tesla. Negli studi statunitensi sugli effetti sulla salute dei campi elettromagnetici di solito si utilizzano i milligauss (mG). 1mG=o, 1microtesla. Watt: s’indica con la lettera W ed esprime l’energia erogata, la potenza. SAR: dall’inglese Specific Absorption Rate, indica l’entità dell’assorbimento in watt/kg o per l’unità che misura la massa, per i tessuti biologici. Il valore del SAR è strettamente legato alle caratteristiche geometriche e alle dimensioni del corpo investito, secondo una relazione per cui il massimo assorbimento si verifica quando la radiazione incidente ha lunghezze d’onda confrontabili con le dimensioni corporee. Il SAR dipende anche dalle proprietà dielettriche dei tessuti colpiti, dalla frequenza del campo e dall’orientamento del corpo rispetto al campo elettrico.

Anteprima della Tesi di Marylise Pollini

Anteprima della tesi: Inquinamento elettromagnetico quotidiano a frequenza industriale (50-60 Hz) in ambienti confinati. Possibili soluzioni, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Marylise Pollini Contatta »

Composta da 295 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2424 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.