Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La determinazione del valore delle imprese: dai metodi tradizionali a quelli più innovativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 Introduzione L’idea di una tesi sulla valutazione delle imprese è dovuta al crescente interesse che questo tema ha suscitato sia da parte del mondo accademico che da parte del mercato. L’attenzione per la valutazione delle imprese si è sviluppata inizialmente oltre oceano dove, fin dagli anni novanta, studiosi e operatori finanziari statunitensi ne hanno intuito l’importanza. La realtà americana è caratterizzata, infatti, dalla presenza di imprese ad azionariato diffuso e mobile e da un’alta efficienza e significatività del mercato azionario. In questo contesto si sono sviluppate da un lato le problematiche dei sempre più frequenti processi di M&A e dall’altro le richieste degli azionisti che, sull’onda del cosiddetto shareholder activism, rivendicavano più attenzione da parte dei managers verso i loro profitti, pena lo spostamento dei capitali in altre aziende. Nello stesso periodo, in Italia, queste problematiche erano quasi del tutto assenti. La nostra borsa valori, notoriamente tra le più piccole e volatili, rappresenta solo una minima parte del panorama imprenditoriale italiano e, per tradizione, non ha la stessa importanza di quelle anglosassoni, essendo le fusioni e le acquisizioni trattate più in via privata e concordataria che tramite il mercato; inoltre, la massa degli investitori privati era fino a qualche anno fa indirizzata verso i titoli di Stato e poco propensa all’investimento azionario. In questi ultimi anni, tuttavia, l’abbassamento degli interessi sui titoli di Stato, che ha portato gli investitori a dirottare parte dei loro risparmi verso il mercato azionario, il processo di privatizzazione delle grandi aziende pubbliche, l’apertura da parte della borsa valori di segmenti specificatamente dedicati alle piccole e medie imprese (quali, ad esempio, il Nuovo Mercato e lo STAR) e non ultimo lo sviluppo e lo spiccato orientamento alla quotazione delle imprese della New-Economy, hanno mostrato anche nel nostro Paese il problema della corretta misurazione del valore delle imprese. Si tratta di una problematica che riguarda maggiormente le grandi imprese, ma trova applicazione anche con riferimento alle aziende più piccole e non interessate alla quotazione, le quali utilizzano alcune delle tecniche esaminate più avanti come strumento per il controllo di gestione.

Anteprima della Tesi di Alessia Adducchio

Anteprima della tesi: La determinazione del valore delle imprese: dai metodi tradizionali a quelli più innovativi, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessia Adducchio Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7490 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.