Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il comando del dipendente nella giurisprudenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il comando del dipendente nella giurisprudenza 5 L’istituto non trova una specifica normativa nel campo privato, a meno che non la si voglia ricavare dall’art. 2139 c.c.: “ Fra piccoli imprenditori agricoli è ammesso lo scambio di mano d’opera e servizi secondo gli usi”. Da tale norma, al contrario, si ricaverebbe, a nostro avviso, l’eccezione ad un principio generale che vieta lo scambio di mano d’opera: l’unico esplicito riferimento del legislatore è quello contenuto nell’art.8,3° comma del d. legs 21 aprile 1996 n°236 (interventi urgenti per l’occupazione) 1 , dove si propone lo strumento del distacco, contenuto in un accordo collettivo e in caso di crisi dell’impresa, come valida alternativa ai provvedimenti di riduzione del personale. Questo dato normativo si riferisce ad un’applicazione del distacco che era già conosciuta in sede di contrattazione collettiva da importanti società, quali la FIAT, IVECO, nonché dal ccnl per l’industria chimica 2 . Da ciò si deve supporre che il distacco era considerato un istituto esistente nel campo dell’impiego privato e che 1 V. D. lgs. 21/04/1996 n° 236 Art. 8, 3° comma (norme in materia di licenziamenti collettivi): “Gli accordi sindacali, al fine di evitare le riduzioni di personale, possono regolare il comando o il distacco di uno o più lavoratori dall’impresa ad altra per una durata temporanea”. Nella legislazione regionale si trovano riferimenti all’istituto (art. 40 L.20 marzo 1975 n° 70). Da ricordare la proposta di direttiva comunitaria riguardante i lavoratori nelle società di servizi (pro- posta della Commissione del 28 giugno 1991 e la direttiva 25 giugno 1991 n°91/383). 2 V. Accordo collettivo del 20/02/1994 (F.I.A.T). Accordo collettivo del 27/01/1994 (IVECO). Accordo collettivo del 14/05/1994 (Industria chimica)

Anteprima della Tesi di Francesca Mignoni

Anteprima della tesi: Il comando del dipendente nella giurisprudenza, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Mignoni Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9945 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.