Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di un dispositivo ad infrarossi per misure in vivo di temperatura per applicazioni cardiochirurgiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.4 Il bypass coronario La presenza delle stenosi coronariche viene evidenziata dalla coronarografia, un esame invasivo nel quale un catetere viene spinto attraverso un'arteria periferica (femorale all'inguine, omerale alla piega del gomito, radiale al polso) fino al cuore. Attraverso questo catetere un mezzo di contrasto radio opaco viene iniettato nelle arterie coronarie, attraverso i raggi X vengono quindi registrate delle immagini in movimento che rivelano l'anatomia coronarica e le presenza delle stenosi, che si evidenzia dalla seguente figura. Se la placca arteriosclerotica viene diagnosticata in tempo si può intervenire chirurgicamente con l’impianto di un bypass, ovvero una connessione tra l’aorta e un punto della coronaria a valle della stenosi, in modo da creare una via alternativa al flusso sanguigno per raggiungere la superficie del cuore. Il bypass è costituito da un tratto di vaso sanguigno sano: generalmente viene utilizzata la vena safena prelevata dalla gamba del paziente stesso, oppure l’arteria mammaria interna o l’arteria radiale prelevata da un braccio.

Anteprima della Tesi di Salvatore Melchionda

Anteprima della tesi: Sviluppo di un dispositivo ad infrarossi per misure in vivo di temperatura per applicazioni cardiochirurgiche, Pagina 8

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Salvatore Melchionda Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1967 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.