Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La soppressione dei conventi e dei monasteri nella Lombardia austriaca dai documenti del carteggio ufficiale (1763- 1790)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Il capitolo terzo è quello centrale dedicato alle soppressioni nel periodo teresiano (1769- 1780) e all’azione dell’organo più importante che doveva sovrintendere sull’intera operazione: la Giunta economale, istituita nel 1766, guidata dall’ecclesiastico Michele Daverio e presieduta dal ministro plenipotenziario Firmian (la Giunta resterà in carica fino al 1786, quando prenderà il nome, sulla scorta di quella viennese, di Commissione ecclesiastica). Risalgono a questo periodo anche gli altri provvedimenti presi prima delle soppressioni come la proibizione delle questue (1768), la soppressione della bolla pontificia “in Coena Domini” (1768), delle missioni urbane dei gesuiti (1768) e delle carceri tenute dai regolari (1769). Nel periodo 1768-1772 venivano chiusi i primi 40 “conventini di campagna” seguiti, dal 1773 al 1780, anno della morte di Maria Teresa, da altri più rilevanti istituti. Particolarmente difficili si presentavano le condizioni dei monasteri femminili; ma essi, per vari motivi, non rientravano nei piani di riduzione di Vienna: durante il regno di Maria Teresa se ne soppressero solo sei. Il quarto capitolo, infine, ripercorre tutto il decennio giuseppino (1780-1790), soffermandosi ad analizzare ed a fare un bilancio, economico e religioso, dell’esito delle “conversioni” dei beni incamerati dalle soppressioni degli istituti; vennero soppresse anche le case femminili e si realizzarono, grazie alla creazione della “cassa” o “fondo di religione”, le prime riforme per gestire l’amministrazione dei beni dell’ex- vacante ecclesiastico. Un particolare rilievo assunsero in tale periodo anche le conseguenze disciplinari dal punto di vista religioso: i regolari lombardi cominciarono a dipendere dagli ordinari diocesani, a loro volta nominati con il “placet” preventivo dell’imperatore.

Anteprima della Tesi di Gianraimondo Farina

Anteprima della tesi: La soppressione dei conventi e dei monasteri nella Lombardia austriaca dai documenti del carteggio ufficiale (1763- 1790), Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianraimondo Farina Contatta »

Composta da 393 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3940 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.