Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La soppressione dei conventi e dei monasteri nella Lombardia austriaca dai documenti del carteggio ufficiale (1763- 1790)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Il “corpus” centrale delle soppressioni teresiane è contenuto, invece, nelle cartelle successive, 127- 152, relative agli anni 1769- 1780: si tratta sempre di corrispondenza ufficiale fra Milano, Roma e Vienna, con l’aggiunta dei piani di soppressione per i monasteri, predisposti dalla curia arcivescovile, di memoriali vari del Pozzobonelli, di pareri di altri prelati (fra cui Manzoni, Daverio), di istruzioni della Giunta economale e di altre missive inviate dai deputati delle diverse comunità per protestare contro i provvedimenti di chiusura delle case dei regolari intrapresi dal governo. Meno variegata si presenta, invece, la corrispondenza del decennio giuseppino (1780-1790), contenuta nelle cartelle 153-172: alle lettere ufficiali si sostituiscono i decreti imperiali, sintomo dei tempi che stavano cambiando a vantaggio di Vienna e compaiono anche alcuni“prospetti delle rendite di vari monasteri e conventi soppressi”, utili per una prima quantificazione economica del vacante ecclesiastico. Altro materiale di rilievo, sempre più di carattere normativo, è rappresentato dalle disposizioni relative alle parrocchie rette dai regolari. Oltre all’Archivio arcivescovile, altro materiale che è stato utilizzato per questa ricerca è contenuto nei documenti dell’Archivio di Stato di Milano (ASMi), opportunamente rubricato nelle sezioni “culto”, “fondo di religione” (F. R. p. m.), “decreti regi” (D. R) e “uffici tribunali regi” (U. T. R.). Nella ricerca si citano, infine, i documenti dell’Archivio di Stato Vaticano (A. S. V.), dai quali ha preso spunto U. Dell’Orto per scrivere la sua opera, La nunziatura apostolica a Vienna di Giuseppe Garampi, 1776-1785, Roma, 1995.

Anteprima della Tesi di Gianraimondo Farina

Anteprima della tesi: La soppressione dei conventi e dei monasteri nella Lombardia austriaca dai documenti del carteggio ufficiale (1763- 1790), Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianraimondo Farina Contatta »

Composta da 393 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3940 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.