Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione di segnali posturografici: analisi nei domini del tempo e delle frequenze

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 I segnali biomedicali La fase esaminativa consiste nell’elaborazione di un algoritmo, che per quanto possa essere reso generico in modo da comprendere e prevedere una vasta casistica, sarà sempre e comunque modellato sul segnale tipo che ci si aspetta di incontrare. Solo in tal modo è naturalmente possibile ottenere una elevata efficienza computazionale. L’analisi delle forme d’onda ottenute come espressione in forma numerica delle prove effettuate comporta una serie di problematiche legate alla fase di acquisizione. Oltre a quanto detto sino ad ora si devono tenere in considerazione i fattori derivanti direttamente dalla registrazione dei segnali. In questa categoria vengono inclusi l’accuratezza nella rilevazione, il rumore insito nelle apparecchiature, disturbi esterni; insomma tutto ciò che può rappresentare un disturbo alla “pulizia” del segnale. Tali elementi possono essere tenuti sotto controllo esclusivamente tramite una accuratezza legata alla successiva elaborazione. Se, infatti, per una analisi immediata e qualitativa dei risultati può essere sufficiente un veloce confronto tra un valore rilevato da un soggetto sano e le misure fornite da un paziente affetto da patologia, per uno studio approfondito che possa consentire l’estrazione di parametri caratteristici del segnale è necessaria una rilevazione particolarmente curata e affidabile. Appare quindi evidente la notevole importanza ricoperta dal sistema di acquisizione nonché le modalità con cui questa fase viene svolta. 1.5 Acquisizione dei dati La fase di acquisizione dei dati viene svolta da apparecchiature elettroniche opportunamente tarate in base al tipo di prova alla quale si è interessati. Le caratteristiche di tali strumentazioni, a titolo di esempio citiamo la frequenza di campionamento, rappresentano il punto di partenza indispensabile per poter effettuare uno studio a posteriori. La registrazioni dei dati, intesa in senso stretto, varia a seconda del tipo di test da effettuare e del tipo di attrezzatura di cui si dispone. In particolare si distinguono:

Anteprima della Tesi di Luciano Serafino

Anteprima della tesi: Valutazione di segnali posturografici: analisi nei domini del tempo e delle frequenze, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luciano Serafino Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 816 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.