Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione di segnali posturografici: analisi nei domini del tempo e delle frequenze

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 I segnali biomedicali solitamente sottoforma analogica; è pertanto necessaria una conversione analogico- digitale. Tale trasformazione consente il passaggio da dati a valori continui a dati a valori discreti. Questo passaggio è possibile grazie alle due operazioni note come campionamento e quantizzazione. Nel campionamento il segnale analogico viene misurato a intervalli definiti (campionato) ottenendo in tal modo un numero finito di valori che lo definiscono. Tali numeri vengono resi interi tramite una discretizzazione nota come quantizzazione. Queste procedure presentano delle problematiche che influiscono pesantemente sulla qualità del segnale sul quale successivamente si effettueranno le elaborazioni. Se il campionamento avviene troppo raramente si può perdere informazione, così come se avviene con eccessiva frequenza si possono ottenere dati ridondanti che non forniscono informazioni aggiuntive. L’accuratezza che si deve porre nella trasformazione del segnale dipende dalle necessità; si può ad esempio porre maggiore attenzione sulla ampiezza massima, piuttosto che su quella minima o ancora si può essere interessati alla differenza minima tra due segnali. E’ importante osservare che il segnale subisce una distorsione se la frequenza di campionamento è troppo bassa o se l’accuratezza di quantizzazione non è sufficiente; in tal caso non sarà possibile derivare informazione in modo accettabile. 1.2.2 Trasformazione E’ definita da una sequenza di operazioni mirata al miglioramento dei segnali tramite la riduzione del rumore e con altre operazioni più mirate allo specifico compito per cui si effettua l’elaborazione. In particolare, quando l’origine del rumore è nota, è possibile effettuare una “restoration” (reastaurazione) del segnale partendo da un modello del rumore. Un tipico esempio può essere rappresentato da un segnale acquisito con un impianto non troppo schermato, nel quale possiamo trovare un rumore di fondo alla

Anteprima della Tesi di Luciano Serafino

Anteprima della tesi: Valutazione di segnali posturografici: analisi nei domini del tempo e delle frequenze, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luciano Serafino Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 816 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.