Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Repubblica di Salò attraverso le pagine del Corriere della Sera: gli eventi, le cronache, i commenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 1.3 La liberazione del Duce ed il discorso alla radio di Monaco Alle 14.30 circa del 12 Settembre 1943 Benito Mussolini venne liberato dalla sua prigionia sul Gran Sasso. Il Duce aveva già cambiato più nascondigli (Ponza e La Maddalena) in quanto ritenuti poco sicuri ed era infine stato trasferito all’albergo di Campo Imperatore, in Abruzzo, collegato a terra solo da una funicolare: sembrava un luogo inattaccabile, una residenza sicura. La mattina del 28 agosto, ancora nell’isola della Maddalena, Mussolini era stato imbarcato su di un idrovolante con i contrassegni della Croce Rossa che ammarò a Vigna di Valle, presso il lago di Bracciano. Da lì, salito su di un’autoambulanza e scortato da tre auto, giunse ad Assergi, vicino l’Aquila, dove si trovava la stazione inferiore della funivia che portava all’albergo (situato a 2112 metri d’altezza). Per lui, per qualche giorno, venne requisita una casa nota come “La Valletta”. Il dispiegamento di forze a difesa e controllo dell’illustre prigioniero era composto da 43 carabinieri e 30 guardie di pubblica sicurezza, oltre che da un piccolo gruppo cinofilo con sei cani lupo. Un apparato sicuramente valido a fronteggiare un possibile attacco da terra per liberare il Duce, ma insufficiente per tenere testa ad un’azione proveniente dai cieli. Ma quest’ultima soluzione era ritenuta impossibile, per questo si può dire che anche la custodia abruzzese del Duce difettò di cura e di sicurezza. Il vero e proprio trasferimento all’albergo avvenne il 3 settembre quando vi fu la firma dell’armistizio che prevedeva la consegna di Mussolini agli alleati (in tal modo si pensava di tenerlo ancora più al sicuro) 29 . 29 R. de Felice, Mussolini l’alleato – La guerra civile 1943-1945, Einaudi, Torino 1998, pagg. 14- 16

Anteprima della Tesi di Alberto Mazzi

Anteprima della tesi: La Repubblica di Salò attraverso le pagine del Corriere della Sera: gli eventi, le cronache, i commenti, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alberto Mazzi Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5546 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.