Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concetto di ''nuove prove'' ai fini della revisione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3.2 (Segue): Inconciliabilità della condanna con la sentenza civile o amministrativa, successivamente revocata, che ne abbia costituito il presupposto. L’art. 630, lett b), c.p.p. stabilisce che la revisione può essere richiesta se la sentenza o il decreto penale di condanna hanno ritenuto la sussistenza del reato a carico del condannato in conseguenza di una sentenza del giudice civile o amministrativo, successivamente revocata, che abbia deciso una delle questioni pregiudiziali previste dall’art. 3, ovvero una delle questioni previste dall’art. 479 1 . Il riferimento, qui operato, agli artt. 3 e 479 c.p.p. richiama le ipotesi in cui la decisione di condanna abbia tratto fondamento, rispettivamente, dalla risoluzione di una controversia sullo stato di famiglia o di cittadinanza, ovvero dalla risoluzione di una controversia civile o amministrativa di particolare complessità: occorre, comunque, l’esistenza di una sentenza civile o amministrativa sulla quale il giudice penale si era fondato per la condanna, perché con la successiva revoca di quella si determini la consequenziale inconciliabilità tra giudicati 2 . Per semplificare la fattispecie contemplata dall’art. 630, lett. b), c.p.p. si fa riferimento al caso di una sentenza fallimentare revocata, 1 Al riguardo v., tra gli altri F.R. DINACCI, Novità e problemi in tema di questioni pregiudiziali, in Giust. pen., 1998, I, p. 428; LEMMO, voce Questioni pregiudiziali (diritto processuale penale), in Enc. giur., vol. XXV, Roma, 1991, p. 1; PAOLA, voce Questioni pregiudiziali, in Dig. disc. pen., vol. X, Torino, 1995, p. 600.

Anteprima della Tesi di Mirko Massimo Petrachi

Anteprima della tesi: Il concetto di ''nuove prove'' ai fini della revisione, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mirko Massimo Petrachi Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5538 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.