Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La poetica di John Donne (1572-1631) nei Songs and Sonets

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 particolare, è una delle immagini più utilizzate per la rappresentazione dell’amore secolare. La rappresentazione della donna nella poesia metafisica – sottoparagrafo 2.9.a – rientra in questa tradizione emblematica. Dopo aver esaminato le caratteristiche visuali della poesia metafisica, con i paragrafi successivi, si entra ancora più nello specifico, e viene presentata la poesia metafisica di Donne, facendone prima un’analisi generale e poi considerando più da vicino l’aspetto metrico ed il linguaggio figurativo. Si tratta infatti di una poesia che è stata subito apprezzata dai contemporanei per la sua originalità e che deriva dalla metafisica dantesca, pur rielaborandola alla luce delle nuove concezioni copernicane. La rozzezza di certi versi, così come le apparenti infrazioni d’accento e di ritmo di alcune poesie di Donne non appaiono più tali quando si tiene presente che l’unità della sua lirica non è il verso, e neppure la strofa, ma l’intero poema e che le leggi che la regolano non sono tanto quelle del canto, quanto quelle dell’eloquenza. Per approfondire questo ed altri aspetti trattati in questo paragrafo dell’arte di Donne, ho deciso di inserire, a questo punto, due sottoparagrafi, uno sulla metrica e sul ritmo della lirica di Donne e l’altro sul linguaggio figurativo da lui adottato. L’ultimo paragrafo deriva da un’esigenza “linguistica”. Più volte, infatti, nel corso del capitolo, si è fatto riferimento alle diverse figure retoriche, impiegate da Donne nelle sue liriche e si sono anche forniti esempi al proposito tratti dai Songs and Sonets. Con quest’ultimo paragrafo, quindi, desidero chiarire quanto le figure retoriche, ed in particolare la metafora, non appartengano esclusivamente al mondo della poesia, ma siano parte integrante della nostra esperienza quotidiana, nel modo in cui percepiamo gli oggetti che ci circondano 17 . Il terzo capitolo oltre ad essere quello più lungo, è sicuramente anche quello più complesso e costituisce il corpo centrale di questo lavoro, nonostante sia l’ultimo di tre capitoli. Per la sua complessità, questa parte del lavoro ha richiesto anche l’intervento diretto del Prof. Hutchings, che mi ha aiutato nella selezione dei Songs and Sonets da commentare. Si sono scelti i seguenti 17 George Lakoff e Mark Johnson, Metaphor We Live By, Chicago, Chicago University Press, p. 35-220.

Anteprima della Tesi di Marika Bersani

Anteprima della tesi: La poetica di John Donne (1572-1631) nei Songs and Sonets, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Marika Bersani Contatta »

Composta da 619 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10237 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.