Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tracce di statica archimedea in L. B. Alberti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 La formula “statica” di Archimede rappresenta il punto di arrivo di una teoria nata per dare contenuti di certezza razionale ad operazioni che da secoli governano i rapporti sociali ed economici; ma rappresenta anche lo strumento del quale il matematico Archimede si serve per risolvere problemi di tutt’altra natura come la quadratura della parabola ottenuta con una pesata. Archimede tratta un problema chiaramente enunciato e, tutto considerato, estremamente circoscritto: deve dimostrare la correttezza della proporzione che lega in condizioni di equilibrio pesi e distanze dal fulcro. Data la dimostrazione il problema è risolto e nulla rimane da aggiungere, se non tentare la riformulazione in un riferimento più ampio all’interno del quale trovargli nuova collocazione. Questo è un motivo che può spiegare perché nelle ricerche medievali di Meccanica la trattazione archimedea del problema della leva risulta praticamente assente rispetto all’enorme sviluppo dato alla formulazione “dinamica” aristotelica. “E non esito neppure ad affermare che se ad un certo stadio di quelle ricerche si giunge quasi alla formulazione del Principio delle velocità virtuali, ciò è dovuto al fatto che la dimostrazione archimedea consentiva di partire da un dato certo da raggiungere per via completamente diversa” 3 Tra le strutture la leva è certamente la più semplice ad essa possono essere ricondotte le travi con due appoggi. Inevitabilmente se si guarda alla storia della Statica, la leva è destinata a suscitare l’idea dell’esistenza di un “Principio” regolatore mediante il quale dare risposte a problemi più complessi rispetto a quello risolto da Archimede, ma la dimostrazione Archimedea consentiva di raggiungere un dato certo per vie completamente diverse. Nei Problemi Meccanici quel principio è appena adombrato, 3 Salvatore Di Pasquale: “Tracce di statica archimedea in L. B. Alberti”, pubblicato sulla rivista Palladio N° 9, Gennaio - Giugno 1999

Anteprima della Tesi di Gabriella Reale

Anteprima della tesi: Tracce di statica archimedea in L. B. Alberti, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Gabriella Reale Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1816 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.