Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Principi contabili e fattispecie relative all'art. 2621 c.c.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Problemi topici del bilancio d’esercizio 1) il principio di chiarezza; 2) il principio di rappresentazione veritiera e corretta; 3) esclude che il bilancio sia strumento per attuare politiche aziendali volte a creare riserve occulte a mezzo di non legittime operazioni di sottovalutazione dell’attivo e di sopravvalutazione del passivo, oppure volte ad incidere sull’entità degli utili o delle perdite di periodo. In conclusione, la violazione dei principi di chiarezza e/o di rappresentazione veritiera e corretta comporta l’illiceità del documento-bilancio e quindi l’invalidità ex art. 2379 c.c. 24 della relativa delibera d’approvazione, di cui costituisce il “contenuto sostanziale”. Le condizioni di proponibilità dell’azione ex art. 2379 c.c. sono: la legittimazione e l’interesse, condizioni, queste, che sono state e sono attualmente utilizzate dai giudici per porre argine alle numerose impugnazioni selvagge delle delibere d’approvazione dei bilanci societari. Com’è noto, l’azione ex art. 2379 25 c.c. è un’azione di nullità è quindi proponibile in ogni tempo e da chiunque (socio o terzo) dimostri di avere un interesse attuale e concreto all’invalidazione della delibera d’approvazione del bilancio 26 . 24 L’interesse a proporre l’azione di nullità deve sussistere non solo al momento della sua proposizione, ma anche durante il corso del processo e, quindi, alla data della decisione sull’impugnazione proposta. 25 Cfr. Campobasso, Diritto commerciale, vol. 2, Diritto delle società, 4^ ed., Torino, pagg. 434-438. 26 Non occorre ovviamente che il socio conservi le stesse azioni o lo stesso numero di azioni di cui era inizialmente in possesso, ma basti che dimostri, al momento della decisione, che persiste il suo interesse alla pronuncia di invalidazione e la sua qualità di azionista della società.

Anteprima della Tesi di Carlo De Socio

Anteprima della tesi: Principi contabili e fattispecie relative all'art. 2621 c.c., Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Carlo De Socio Contatta »

Composta da 406 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5905 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.