Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Principi contabili e fattispecie relative all'art. 2621 c.c.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Problemi topici del bilancio d’esercizio sia della verità 10 . D’altro canto la S.C. collega nettamente il principio di verità al c.d. principio di ragionevolezza 11 (e per contrapposto dell’arbitrarietà) nelle valutazioni di bilancio 12 . In altre parole la giurisprudenza, pur mantenendo sempre fermo il collegamento tra falsità civile del bilancio e norma (art. 2621 c.c.), allarga il contenuto di quest’ultima fino a ricomprendervi (oltre le ipotesi delle sopravvalutazioni già vietate dall’art. 2425 c.c.) anche le ipotesi delle sottovalutazioni arbitrarie. Tale orientamento, prima accolto dai giudici di merito, viene finalmente recepito dalla S.C. con le sentenze 15 giugno 1959 e 31 maggio 1966 13 . Per tale via si arriva alla conclusione che quando le valutazioni oltrepassano il limite d’ogni ragionevolezza sia esclusa a priori ogni possibilità d’errore. In conclusione, le sentenze citate mostrano un ossequio più formale che sostanziale all’art. 2621 c.c., in quanto la sua violazione è per così dire presunta ogni volta che ci si trovi in presenza di una valutazione oggettivamente “non ragionevole”. Le fa eco la giurisprudenza di merito assolutamente prevalente, la quale: a) collega la nullità alla violazione “oggettiva” degli artt. 2423 ss. c.c. 14 ; 10 Cass., 10 settembre 1974, n. 2454, in Giur. comm, 1975, II, pag. 8 e segg.; Cass., 22 gennaio 1975, n. 252, in Giust. civ. Mass., 1975, pag. 125. 11 Per maggiori delucidazioni su tale principio si veda infra cap. 6, § 4.3, pag. 253. 12 Cass., 5 dicembre 1973, n. 3314, in Giur. comm., 1974, II, pag. 127. 13 Rispettivamente in Giur. it., 1959, I, 1, c. 1047; e 1967, I, 1, c. 937. 14 App. Milano, 16 maggio 1975 in Foro padano, 1975, I, c. 162; Trib. Milano, 16 luglio 1973, in Giur. comm. 1974, pag. 88 e segg.; App. Milano, 21 settembre 1973 in Riv. dir. comm., 1973, pag. 1081; App. Milano, 28 maggio 1973, in Banca borsa e titoli di credito, 1973, II, pag. 417; App. Milano, 13 luglio 1973, in Giur. it., 1974, I, 2, c. 21; Trib. Bologna, 27 giugno 1974, in Giur. comm., 1975, II, pag. 222 e segg.

Anteprima della Tesi di Carlo De Socio

Anteprima della tesi: Principi contabili e fattispecie relative all'art. 2621 c.c., Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Carlo De Socio Contatta »

Composta da 406 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5904 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.