Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dogma 95

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 quello propositivo. Ad aumentare il sospetto contribuisce la presenza di una personalità come quella di Lars Von Trier, descritta in questo modo da Stig Bjorkman su «Cahiers du cinéma»: Consciamente o inconsciamente ha affermato la provocazione come principio artistico […] in uno dei suoi primi film, il film per la fine dei suoi studi alla scuola di cinema danese, Befrielsebilder [tr.it. Immagini della liberazione, 1982], ha mostrato la liberazione della Danimarca dall’occupazione tedesca usando un punto di vista inaspettato. Ha affidato il ruolo principale a un soldato tedesco […] le reazione - pro o contro – furono violente. Da allora nacque la sua reputazione di provocatore 11 . La genesi stessa del manifesto non è stata così solenne come i termini in essa impiegati potrebbero far pensare: Thomas Vinterberg ricorda che dopo una telefonata di Von Trier in cui gli chiedeva di unirsi a lui per creare una nuova corrente, si ritrovarono e «in tre quarti d’ora, tra grandi risate» 12 stilarono il manifesto e le dieci regole del Voto di Castità. D’altro canto bisogna notare che durante la lavorazione del film le regole sono state seguite con atteggiamento veramente “religioso” e al termine ogni regista ha fatto la propria “confessione” sul sito ufficiale del Dogma. Questi alcuni dei nodi che cercheremo di sbrogliare in questo lavoro: i registi del Dogma sono riusciti veramente ad essere collettivo annullando le proprie personalità? Il Dogma 95 è solo provocazione, addirittura trovata pubblicitaria per giustificare film low-budget, oppure si propone veramente come nuovo modo di fare cinema, capace di creare un corrente importante e influente? Per cercare di rispondere a queste domande, analizzeremo le dieci regole del Voto di Castità e vedremo come operano all’interno di Festen e Idioterne. 11 STIG BJORKMAN, A la recherche de l’émotion pure , in «Cahiers du cinéma», 1998, n. 524, p. 84. 12 RICHARD KELLY, The name of this book is Dogma95, cit., p.113.

Anteprima della Tesi di Gianmaria Colombo

Anteprima della tesi: Dogma 95, Pagina 9

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Gianmaria Colombo Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4319 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.