Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I prezzi predatori e la concorrenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

ALCUNE NOZIONI PRELIMINARI costi fissi non cambiano. Per la prima unità di prodotto, questo categoria di costo corrisponde chiaramente al costo variabile medio. In seguito tra i due si registra una differenza causata dalla variazione di efficienza produttiva che l’impresa ha al variare della scala (c.d. economie di scala), che comporta una diminuzione dei costi di produzione fino al raggiungimento di un certo livello di capacità, ed un aumento da questo punto in poi, in conseguenza del maggiore sforzo cui sono sottoposti gli impianti. Vi è quindi un punto in cui il costo variabile medio torna a coincidere con il costo marginale 21 , nel momento in cui la produzione di un pezzo aggiuntivo non modifica la media dei costi variabili. Quando tale media comincia a salire, il costo marginale è superiore al costo medio variabile, siamo in presenza di diseconomie di scala. Le medesime osservazioni valgono per il rapporto tra costo marginale e costo totale medio che per definizione è più alto del costo variabile medio e che muta al variare del livello di produzione per effetto del mutare di questo. Tutti questi tipi possono poi essere distinti in costi di breve e di lungo periodo. Il secondo è quello in cui la capacità produttiva è destinata a mutare, mentre il primo è quello in cui essa rimane invariata. Si assume comunemente che, in un’ottica di lungo periodo, tutti i costi siano variabili, pertanto si distingue solo tra costo totale e costo marginale. 21 È il punto d’equilibrio di un mercato perfettamente concorrenziale. Il prezzo del prodotto corrisponde al costo marginale delle imprese, in quanto fino al momento in cui il prezzo è superiore al costo di produzione di un’ulteriore unità di prodotto, l’impresa ha interesse a produrre; oltrepassato tale punto quell’interesse svanisce, perché la relativa parte della produzione verrebbe venduta in perdita, costando più fabbricarla di quanto non si ricavi a venderla.

Anteprima della Tesi di Mauro Mammina

Anteprima della tesi: I prezzi predatori e la concorrenza, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mauro Mammina Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12770 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.