Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I prezzi predatori e la concorrenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

ALCUNE NOZIONI PRELIMINARI scambi economici, anche a prescindere dalla ricerca di profitto a dell’eventuale distribuzione degli utili” 3 . La stessa dottrina ha evidenziato come la giurisprudenza comunitaria adotti un concetto di impresa estensivo e “trascurando qualsiasi riferimento ad un criterio organico, pone l’accento sul criterio funzionale” 4 . È proprio la funzione dell’attività svolta dal soggetto considerato, il discriminante per qualificare un’entità economica come impresa, ai sensi degli articoli 81) e 82) del Trattato di Roma. Se questo, rispondendo ad un bisogno economico, si colloca sul mercato, allora rientra nel raggio d’azione delle regole sulla concorrenza. Analogamente, secondo altri Autori “sulla base della prassi della Commissione e della giurisprudenza della Corte si può definire l’impresa come un’organizzazione unitaria di elementi personali, materiali ed immateriali, attraverso la quale viene esercitata un’attività economica, a titolo non gratuito, in modo duraturo ed indipendente. La nozione ha un contenuto comunitario, essendo indipendente dai concetti desumibili dai diversi diritti nazionali” 5 . Naturalmente la nozione di impresa elaborata dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (in seguito AGCM), risulta in linea con quella comunitaria, avendo anche in questo caso una portata assai ampia. Basti qui ricordare alcuni provvedimenti nei quali l’AGCM ha considerato degli enti pubblici come imprese in quanto entità che esercitano attività economiche a prescindere dal loro status giuridico e dalle loro modalità di finanziamento (AGCM 28 luglio 1995, S.i.l.b./S.i.a.e., Boll., 1995, pag.30; 3 Comm. UE, 27 ottobre 1992, Pauwels Travel/FIFA, in GUCE, n. L326, 1992, pag. 31. 4 ROTH in AA.VV., Antitrust fra diritto nazionale e diritto comunitario, Giuffrè, Milano, 1996, pag.24 5 A.FRIGNANI, M. WAELBROECK, Disciplina della concorrenza nella CE, Utet, Torino, 1996, pag.32.

Anteprima della Tesi di Mauro Mammina

Anteprima della tesi: I prezzi predatori e la concorrenza, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mauro Mammina Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12770 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.