Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I prezzi predatori e la concorrenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

ALCUNE NOZIONI PRELIMINARI La Corte invece affronta il problema compiutamente per la prima volta nel caso Sirena (1971) 10 e subordina l’esistenza di una posizione dominante alla capacità di ostacolare una concorrenza effettiva nel mercato in questione, senza alcun riferimento quindi alla capacità di adottare comportamenti indipendenti nei confronti di terzi soggetti, riferimento che invece compare per la prima volta nella sentenza relativa al caso Metro (1977) 11 e nel caso United Brands (1978) 12 dove i due elementi vengono finalmente considerati congiuntamente: “La posizione dominante […] corrisponde ad una posizione di potenza economica grazie alla quale l’impresa che la detiene è in grado di ostacolare la persistenza di una concorrenza effettiva sul mercato in questione” e “ha la possibilità di tenere comportamenti alquanto indipendenti nei confronti dei concorrenti, dei clienti e, in ultima analisi, dei consumatori”. Tale definizione risulta però illusoria e di scarsa utilità pratica nel momento in cui si cerca concretamente di valutare l’esistenza o meno del requisito in esame. Essa, infatti, si limita a riconoscere l’essenza della posizione dominante nella potenza economica, senza dare alcuna indicazione sulle condizioni che ne implicano l’esistenza. Dire che si è in presenza di una posizione dominante quando l’impresa è in grado di ostacolare una concorrenza effettiva o di tenere comportamenti indipendenti, significa scambiare l’effetto con la causa e lasciare sostanzialmente insoluto il problema. Di qui l’esigenza, sia a livello comunitario che nazionale (va ricordato che nel nostro Paese la nozione di posizione dominante è stata ripresa fedelmente da quella comunitaria, attraverso il richiamo letterale del caso 10 CG, 18 febbraio 1971, C-40/70, Sirena/Eda, in Raccolta, 1971, pag. 69 11 CG, 25 ottobre 1977, Metro/Commissione, in Raccolta, 1977, pag. 1875.

Anteprima della Tesi di Mauro Mammina

Anteprima della tesi: I prezzi predatori e la concorrenza, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mauro Mammina Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12770 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.