Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela del turista

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE Il primo episodio dell’intervento pubblico per il turismo 1 viene fatto risalire ad una disposizione contenuta nella l. n. 863 dell’11-12-1910, in base alla quale i c.dd. comuni a vocazione turistica potevano imporre un balzello, giunto fino ai nostri giorni con il nome di imposta di soggiorno. Ma la scarsa diffusione del turismo dell’epoca , dovuta al fatto che solo un’elite di persone aveva i mezzi per potersi permettere di organizzare una vacanza, ha rallentato notevolmente lo sviluppo della legislazione in materia turistica. L’innalzamento della qualità della vita ha portato un numero sempre maggiore di persone ad usufruire dell’insieme dei servizi turistici, tanto che da fenomeno di elite il turismo è diventato un fenomeno di massa. Da semplice momento ricreativo legato al tempo libero, il turismo si è arricchito con il tempo di connotazioni notevolmente differenti, dal punto di vista sociologico, politico, economico e soprattutto culturale. Tutto ciò ha contribuito a rendere il turismo una necessità dell’uomo, o meglio una risorsa di prima necessità. Il fenomeno turistico è inteso ormai come momento di crescita interna della persona, strumento di integrazione fra i 1 F. Tedeschini., Diritto pubblico per il turismo, Milano 1988, p. 225.

Anteprima della Tesi di Luigi Scarinzi

Anteprima della tesi: La tutela del turista, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luigi Scarinzi Contatta »

Composta da 299 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7884 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.