Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teleriscaldamento: aspetti progettuali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

PREMESSA La progettazione di un sistema di teleriscaldamento è una procedura complessa, molto articolata e non ancora rigorosamente codificata. Tale sistema di riscaldamento (ed in alcuni casi anche di raffrescamento) non ha ancora una storia sufficientemente lunga alle spalle. Si può, anzi, tranquillamente affermare che la fase di studio e di sperimentazione “sul campo” non sia ancora conclusa. Tanto per fissare alcune date fondamentali, la prima rete di teleriscaldamento urbano in Italia viene inaugurata nel 1961 a Torino. A Brescia ed a Reggio Emilia, le città che sono diventate un vero e proprio punto di riferimento a livello nazionale in materia, le prime realizzazioni sono datate rispettivamente 1972 e 1979. Il primo progetto organico e completo, che fin da subito prevede l’estensione massima finale che la rete dovrà raggiungere e pianifica le varie fasi di realizzazione, riguarda il sistema di teleriscaldamento Milano Tecnocity/Bicocca, il cui nucleo iniziale è stato completato nel 1995. * * * Qualunque sistema di teleriscaldamento si compone di tre elementi fondamentali: 1) CENTRALE TERMICA: il luogo dove viene prodotto il calore da distribuire. La tipologia più diffusa prevede la presenza di un gruppo cogenerativo dimensionato per coprire il 50% circa del carico di punta ed una batteria di caldaie ausiliarie per far fronte ai picchi di richiesta. Sono considerati parte integrante della centrale anche l’impianto di trattamento dell’acqua, il vaso di espansione, gli eventuali accumulatori e la stazione di pompaggio. 2) RETE DI TRASPORTO, realizzata con due tubazioni interrate affiancate (una per la mandata ed una per il ritorno). La geometria più adatta e diffusa presenta uno o più anelli chiusi dai quali si dipartono diramazioni minori che raggiungono le utenze più defilate. 3) SOTTOCENTRALI, una per ogni utenza, il cui cuore è costituito da uno scambiatore che permette il passaggio di calore dalla rete (circuito primario) all’impianto di riscaldamento interno dell’edifico (circuito secondario).

Anteprima della Tesi di Primo Prandoni

Anteprima della tesi: Teleriscaldamento: aspetti progettuali, Pagina 1

Tesi di Master

Autore: Primo Prandoni Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3975 click dal 12/05/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.