Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Previdenza complementare e trattamento di fine rapporto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 n. 153 del 1969), della disciplina di tutela degli invalidi civili (legge n. 118 del 1971) e la riforma sanitaria, con l’istituzione del Servizio sanitario nazionale (legge n. 833 del 1978). 7 La crisi economica che si sviluppò a partire dalla metà degli anni ’70 e coinvolse anche le funzioni sociali dello Stato, anche se concorse a travolgere la riforma sanitaria, apparve, tuttavia, indurre, come effetto positivo, una sorta di progressiva depurazione del sistema previdenziale da “eccessi” di tutela. Tanto si può ricavare dagli interventi legislativi che, da quegli anni, fissarono un tetto massimo alle pensioni, dando rilevanza a situazioni di bisogno effettivo o fissando criteri perequativi al ribasso per le pensioni di maggior importo. Tale situazione ha ispirato i vari progetti di riforma, che si sono susseguiti a partire dal 1978, senza successo fino al 1992, quando si è dato vita ad un’ampia operazione di innovazione normativa (leggi n. 421 e n. 438, e D.Lgs. n. 503 del 1992; legge n. 537 del 1993) che ha avuto il suo apice con la radicale riforma dettata dalla legge n. 335 del 1995, ma che, tuttavia, non può dirsi ancora del tutto conclusa. Tale progetto di riforma appare rispondere maggiormente ad una logica di “razionalizzazione” dell’esistente rispetto a conseguire una vera e propria modificazione strutturale. Il riordino è stato perseguito essenzialmente attraverso due distinte direttive: una “etica”, diretta a reagire alle iniquità e alla “cultura dell’assistenzialismo”, e una prettamente “economica”, tesa a rimediare alla sempre più grave crisi finanziaria dello Stato. L’opera di razionalizzazione e semplificazione si è attuata attraverso un precedente sfoltimento dell’assetto istituzionale. Nel settore privato sono confluiti presso l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (I.N.P.S.) molti istituti di previdenza di particolari 7 Cinelli M., Diritto della previdenza sociale, Torino, 1998, pag. 37

Anteprima della Tesi di Samuele Fumagalli

Anteprima della tesi: Previdenza complementare e trattamento di fine rapporto, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Samuele Fumagalli Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10852 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.