Skip to content

Un nuovo approccio allo sviluppo territoriale: il marketing d'area ed alcune esperienze di agenzie europee

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
investimenti diretti in “investimenti diretti di tipo 1” e “investimenti diretti di tipo 2”. Si hanno gli investimenti di tipo 1 quando l’investitore considera che il paese estero, in cui ha investito, possa ritenerlo uno “straniero” e quindi non degno dello stesso status degli investitori nazionali. In questo caso, l’investimento diretto viene preferito a quello di portafoglio o perché la diffidenza verso i capitalisti stranieri è elevata o quando vi sono rischi di espropriazione e di cambio. Un altro motivo che potrebbe spingere l’investitore ad assumere il controllo d’impresa, investimento di tipo 2, è individuabile nell’adozione di una strategia rivolta a eliminare la concorrenza tra l’impresa dell’investitore estero e quella dei paesi dove concentra i suoi sforzi finanziari, oppure nell’appropriazione di competenze manageriali-direzionali e di skills. In termini quantitativi, secondo HYMER, ciò che spinge le imprese ad acquisire il controllo di attività all’estero dipende dalla volontà di assorbire nuove quote di mercato e di aumentare i profitti. Sulla spinta della teoria di HYMER, segue un filone di teorie di stampo oligopolistico costruite seguendo l’impostazione della grande impresa multinazionale che sfruttando la propria forza di mercato nel paese di origine cerca di sviluppare strategie concorrenziali puntando sui mercati esteri. Una delle teorie in questione è sicuramente quella cosiddetta “dell’approccio tecnologico” 5 . Seguendo il concetto di ciclo di vita del prodotto, si sostiene che gli investimenti diretti sono fortemente legati alla capacità di detenere un monopolio reale, o ipotetico, su determinate innovazioni di prodotto. Infatti, dopo aver acquisito una consistente quota di mercato nel proprio paese l’impresa è spinta dalla necessità prima di esportare, poi di produrre all’estero. In questa seconda fase si affacciano i primi competitori-imitatori (i cosiddetti spillover) che producono un certo grado di standardizzazione del prodotto, spronando le imprese a differenziare la propria “offerta” per non competere solo sul terreno dei prezzi. La maturazione del prodotto e del mercato incentivano le imprese a ricercare nuovi assets competitivi puntando soprattutto sui bassi costi di manodopera e delle materie prime. Questo genera un flusso di investimenti nei PVS e nei NICS rendendo più conveniente allo stesso Paese-madre dell’innovazione reimportare i propri prodotti. Un’altra strada percorribile dall’impresa “first-mover” è quella di lasciare il mercato, ormai saturo, per attuare una nuova strategia innovativa che offra nuovi prodotti sostitutivi e che le consenta di poter sfruttare la nuova posizione di monopolio. Da queste brevi considerazioni si evince come tra i limiti della teoria vi siano: - l’aver posto al centro dell’attenzione solo il prodotto e non l’impresa, che potrebbe essere multiprodotto (ciò che costituisce una regola e non un’eccezione); - l’aver, riduttivamente, analizzato l’innovazione di “prodotto” trascurando completamente quella di “processo” e organizzativo-manageriale; - il non aver preso in rassegna le ipotesi di delocalizzazione produttiva di singole fasi del processo di produzione. Un altro filone oligopolistico, che si propone di analizzare le motivazioni che inducono le imprese ad assumere “controllo” all’estero, è collocabile storicamente nella seconda metà degli anni ’80. Un contributo rilevante è quello che associa al con il semplice uso del tasso d’interesse. Ciò comporta l’impossibilità di giustificare le azioni degli investitori che decidono di assumere il controllo d’impresa, quando potrebbero limitarsi al semplice prestito di denaro. 5 R. VERNON, “ Sovereignity at Bay: the Multinational Spread of U.S. Enterprises ”, Basic Books, New York, 1971; Id., “ International Investment and International Trade in the Product Cycle ”, Quarterly Journal of Economics, n. 2, 1966.
Anteprima della tesi: Un nuovo approccio allo sviluppo territoriale: il marketing d'area ed alcune esperienze di agenzie europee, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Un nuovo approccio allo sviluppo territoriale: il marketing d'area ed alcune esperienze di agenzie europee

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea D'orazio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Massimo Paoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 220

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi