Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il corpo ritrovato. Intervento educativo con donne operate di tumore al seno attraverso la metodologia della Biodanza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Nonostante il vissuto corporeo femminile sia stato e sia tuttora influenzato da comportamenti trasmessi e valori assegnati ad opera della cultura androcentrica e dell’immaginario collettivo 54 , esiste per la donna la possibilità di conquistare la coscienza di sé e del proprio essere corpo, attraverso la consapevolezza del valore del corpo-cura 55 . Dal prendersi cura deriva la capacità di ritrovarsi, di volersi bene, di rispettarsi per essere rispettate, di valorizzarsi “contro ogni possesso, appartenenza, […] violazione e abuso” 56 . E la cura di sé può nascere attraverso il risveglio della sensibilità corporea, come finestra che si apre sul mondo interiore ed esteriore. I sensi del corpo sono un invito per iniziare un dialogo con se stessi, con gli altri e la realtà che ci circonda, previa educazione alla corporeità vissuta, che significa ampliare la percezione cinestesica 57 , ossia la sensazione del corpo in movimento, e intensificare la cenestesia 58 ovvero sensibilizzarsi alle sensazioni che nascono dal funzionamento del corpo umano per imparare ad ascoltarle e a rispettarle. In medicina la cenestesia è definita come sensazione generale e senso dell’esistenza consapevole, oltre che come un sentimento indeterminato connesso con lo stato generale del corpo e della vita, che viene avvertito dalla coscienza, più facilmente, solo quando la sua tonalità è turbata. Questo concetto riporta la nozione di salute alla percezione autonoma del soggetto, all’equilibrio psico-fisico che non è la somma dei vari equilibri e che solo il soggetto convenientemente educato riesce a cogliere e a gestire. Non si tratta di un esercizio narcisistico, ma di un cammino necessario per avventurarsi nel mondo della propria interiorità, conquistare benessere duraturo, profondità di relazioni con le persone e scoprire la bellezza della realtà circostante 59 . E’ inoltre percorso di cura che consente la transizione dal cure, che in inglese significa guarire, al care, ossia prendersi cura, nella prospettiva dell’unicità e irripetibilità della persona, nella sua dimensione corporea, affettiva, intenzionale e nel rapporto con sé, gli altri e la realtà. Dimensioni sempre evocate in ogni itinerario educativo che affidi la cura stessa agli orizzonti antropologici della persona come orizzonte di senso. Una antropologia della cura, quindi, che iscriva i percorsi in un quadro ermeneutico e assiologico di natura antropologica e che, in sostanza, propizi il benessere della persona definito dal suo bene e si strutturi nel prendersi cura come accompagnamento, sapendo di non poter mai guarire, ma graduando l’intervento secondo il desiderio e non solo il bisogno della persona 60 . 54 PINKUS, L., L’identità femminile: prospettive psicodinamiche, in MILITELLO, C (a cura di), «Che differenza c’è?». Fondamenti antropologici e teleologici della identità femminile e maschile, p. 16 55 IORI, V., Educazione degli adulti, p. 38 56 Ivi; 57 letteralmente è la percezione relativa alle sensazioni provocate dal movimento del proprio corpo o delle sue parti, dal Vocabolario della lingua italiana ZINGARELLI, 2002 58 cenestesia è il complesso delle sensazioni che nascono dal funzionamento del corpo umano e che si concreta in un senso di benessere o malessere, dal Vocabolario della lingua italiana ZINGARELLI, 2002 59 per alcuni concetti cfr. BRESCIANI, C., CATENA, R., RONCHI, L., SACRESTANI MOTTINELLI, M., Il corpo, un dono, un valore, un compito, p. 159 60 MOZZANICA, C.M., Servizi alla persona. Un’organizzazione (in)compiuta, pp. 46-48

Anteprima della Tesi di Isabella Casadio

Anteprima della tesi: Il corpo ritrovato. Intervento educativo con donne operate di tumore al seno attraverso la metodologia della Biodanza, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Isabella Casadio Contatta »

Composta da 310 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7704 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.