Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Descrizione di scene museali in Cyc

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Le parole nel linguaggio L hanno almeno un significato, costituito dalle intuizioni, informali e approssimate, che si sono lette o ascoltate in un determinato contesto culturale: se questo, nell’ontologia, viene violato, le informazioni saranno probabilmente incomprensibili. Nella letteratura sono nati nuovi concetti come “integrazione di ontologie”, “compatibilità di ontologie”, “equivalenza di ontologie”, “unificazione di ontologie” e “ontologia di riferimento”, le cui definizioni sono ancora argomento di dibattito. Le ontologie che vengono costruite devono essere dei riferimenti a modelli più generali, per poter rappresentare nozioni come parte, connessione, localizzazione, causa, forma, etc. Una definizione relativa a tre livelli di integrazione, trattata dal documento di Sowa [183], è la seguente: “L’integrazione è il processo per trovare elementi comuni tra due diverse ontologie A e B, ottenendone una terza C, che faciliti l’inter-operabilità tra i sistemi di computer basati sulle ontologie originarie. C può rimpiazzare A o B, o può essere adoperata soltanto come intermediario tra un sistema basato su A ed uno basato su B. A seconda della quantità di cambiamenti necessari per ottenere C da A e B, i livelli di integrazione possono essere distinti in: a) allineamento, è la forma più “debole” di integrazione e richiede cambiamenti minimi. E’ utile per la classificazione ed il recupero delle informazioni; b) compatibilità parziale, richiede più cambiamenti per supportare maggiore inter- operabilità; c) unificazione ( o compatibilità totale), può richiedere grandi cambiamenti oppure maggiore riorganizzazione di A e B, ma si ottiene la più completa inter- operabilità.” Alcune descrizioni della struttura e degli scopi delle ontologie, si trovano nei documenti [6], [7], [7] e [9]. Lo spazio di utilizzo delle ontologie può essere suddiviso nelle seguenti categorie, come illustrato nella Figura 1: ξ Comunicazione tra persone ed organizzazioni; ξ Inter-operabilità tra i sistemi; ξ Ingegneria dei sistemi.

Anteprima della Tesi di Fabio Catalanotto

Anteprima della tesi: Descrizione di scene museali in Cyc, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Fabio Catalanotto Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 743 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.