Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela penale degli animali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 animale. All’articolo 9, prevedeva le condizioni sulla base delle quali avrebbero dovuto essere attuati gli esperimenti scientifici su animali viventi. 19 L’articolo 727, nella sua formulazione anteriore alla riforma del 1993, trovava la collocazione all’interno della categoria dei reati contro la decenza e la moralità pubblica ed era così configurato: “ Chiunque incrudelisce contro gli animali o senza necessità li sottopone a eccessive fatiche o torture oppure li adopera in lavori a cui non siano adatti per malattie e per età, è punito con l’ammenda da lire cinquecento mila a tre milioni. Alla stessa pena soggiace chi, anche per solo fine scientifico o didattico, in un luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, sottopone animali vivi a esperimenti tali da destare ribrezzo. La pena è aumentata se gli animali sono adoperati in giuochi o spettacoli pubblici, i quali importino strazio o sevizie”. Nel caso previsto dalla prima parte di questo articolo, “se il colpevole è un conducente di animali, la condanna importa la sospensione dall’esercizio del mestiere, quando si tratta di un contravventore abituale o professionale”. Ciò che bisogna immediatamente sottolineare, è che, rispetto al codice Zanardelli, nulla è cambiato in ordine all’interesse tutelato, che rimane il sentimento etico-sociale di umanità verso gli animali, che può venire turbato gravemente, con pericolo di dannosi riflessi sul sentimento di civile mitezza in genere, dal maltrattamento di animali 20 . E’ il sentimento di ribrezzo e di ripugnanza che la comunità prova di fronte a condotte comportanti ingiustificate sofferenze ad esseri indifesi 21 : condotte che, costituendo un malo esempio, sono, altresì, contrarie alle esigenze minime dell’educazione civile 22 . E’ rimasto, quindi, anche lo scopo di promozione dell’educazione civile: tale sentimento 23 impone a ciascuno di astenersi dal maltrattare gli animali ingiustificatamente, 19 A. Casseddu, Maltrattamento, cit., p. 530. 20 Manzini, Trattato, cit., p. 1091. 21 G. Sabatini, voce Maltrattamento di animali, in Nss. Dig. I., vol. X, Utet, 1964, p. 81. 22 Manzini, Trattato, cit., p. 1092. 23 M. Mazza, Sul maltrattamento di animali, in GAI, 1984, p. 548, in nota adesiva a Cass. 16 –11-1983, Garnero.

Anteprima della Tesi di Maria Coccellato

Anteprima della tesi: La tutela penale degli animali, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Coccellato Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6711 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.