Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La dottrina Bush. Un'analisi storica e critica.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

maniera chiara e precisa 4 . Apparentemente c’è una maggiore chiarezza nella definizione di cosa il terrorismo non sia. Non è un regime politico, un’ideologia, una religione o una singola persona. In realtà ciò aumenta l’incertezza e la confusione. Se il nemico non è chiaramente identificabile è difficile capire contro cosa si stia combattendo, è difficile capire quando si sia riusciti a sconfiggere il nemico. Con l’eventuale definitiva sconfitta di al-Qaida non si esaurirebbe la missione delineata dalla USNSS. La lotta al terrorismo non si esaurisce, tantomeno, con la cattura di Osama Bin Laden, poiché il nemico non è una singola persona. In tutti i documenti strategici, infatti, il ruolo del leader di al-Qaida viene quasi, per così dire, sminuito. Non gli si concede la soddisfazione di essere individuato esplicitamente come il nemico assoluto degli Stati Uniti e del mondo. Sembra che si voglia sottolineare che un uomo solo non abbia la capacità di minacciare così gravemente il mondo. La minaccia del terrorismo “of global reach” 5 non è identificata, quindi, nel solo Bin Laden o nella sola al-Qaida. La National Strategy for Combating Terrorism approfondisce il concetto di terrorismo di portata globale. In questo documento la struttura del terrore 4 Stanley Hoffmann sottolinea che la USNSS non tiene conto delle diverse tipologie del terrorismo, che possono essere “a will to self-determination (as in the case of the Palestinians or the Chechens), a fight over territory (as in Kashmir), a form of domestic action against a repressive regime (in the Sudan, in the Algeria of the 1990s), a religious holy war (al-Qaida) and so on. Obviously one size doesn’t fit all, yet responding to acts of terrorism and ignoring their causes could well contribute to the global destabilization sought by the terrorists”. Stanley Hoffman, The High and the Mighty, 13 gennaio 2003 5 White House, The National Security Strategy of the United States of America, Washington, settembre 2002, pag. 5

Anteprima della Tesi di Francesco Francescaglia

Anteprima della tesi: La dottrina Bush. Un'analisi storica e critica., Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Francescaglia Contatta »

Composta da 311 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5659 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.