Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Distribuzione del software in rete: un tool Peer-to-Peer basato su metafore grafiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I Modelli Architetturali 5 1.2. Business Model Nel riferimento bibliografico [11] un business model è descritto nel seguente modo: “A business model shows the essentials (the strategic intent) of the way of doing business in terms of stakeholders creating and exchanging objects of value with each other”. L’obiettivo principale di un business model, quindi, è quello di spiegare, anche attraverso una rappresentazione grafica “who is offering what to whom and expects what in return” ([11]), concentrando la propria attenzione sul concetto del valore creato e scambiato tra i vari componenti del business model, senza però preoccuparsi di come questi “objects of value” sono realmente creati. Paul Timmers nel Cap. 3 di [1] e in [9] fornisce quest’altra definizione di business model, simile alla precedente: “Definition of a business model: • An architecture for the product, service and information flows, including a description of the various business actors and their roles; and • A description of the potential benefits for the various business actors; and • A description of the sources of revenues”. I ricercatori dell’“Amsterdam Center of e-Business Research” Jaap Gordijn, Hans Akkermans e Hans van Vliet, autori degli articoli [10] e [11], affermano che ogni business model deve chiarire i seguenti punti: • Who are the value adding business actors involved; • What are the offerings of which actors to which other actors; • What are the elements of offerings; • What value-creating or adding activities are producing and consuming these offerings; • Which value-creating or adding activities are performed by which actors.

Anteprima della Tesi di Fabrizio Lamberti

Anteprima della tesi: Distribuzione del software in rete: un tool Peer-to-Peer basato su metafore grafiche, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Fabrizio Lamberti Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2749 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.