Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ragazze di vita. Per una storia della prostituzione nella Firenze di età moderna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Le meretrici dovevano portare un segno distintivo, che le facesse riconoscere chiaramente, una sorta di marchio ; nel caso fiorentino il marchio era rappresentato da una listra d’oro o seta o comunque di materia gialla da portare bene in vista, pena altri dieci scudi d’oro. Gli ufficiali esercitavano un potere che andava al di là di ciò che la legge prescriveva, e gli abusi risultavano essere una triste norma, soprattutto per quel che riguardava le pene pecuniarie, che, il più delle volte, venivano arbitrariamente aumentate. Nel 1633 una nuova disposizione fece esonerare dall’iscrizione al registro dell’Onestà tutte quelle donne che si erano sposate e si erano prostituite prima del matrimonio. “ Il provvedimento, che mirava a non legalizzare l’adulterio, mantenne tuttavia le maritate soggette alle pene per l’adulterio, qualora avessero continuato a meretricare. Inoltre esse avevano l’obbligo di lasciare in eredità le loro sostanze al monastero delle Convertite. Lo stesso provvedimento ripristinò anche alcune norme che sembravano superate e dispose nuovamente che le prostitute fossero iscritte, portassero il segno ed abitassero nei luoghi deputati “ 4 . Nel 1664 fu nuovamente vietato alle prostitute alloggiare in alberghi e locande, utilizzare carrozze e farsi vedere nelle vicinanze di chiese e sagre. Lo sviluppo demografico del XVI secolo fece aumentare, in maniera consistente, il numero delle donne che non riuscivano a sposarsi e restavano, il più delle volte, sole e quindi emarginate dalla società. Tra il XVI e il XVII secolo la prostituzione diventò espressione generalizzata di marginalità sociale. Le trasformazioni dell'agricoltura, l'aggravio persistente sui piccoli proprietari terrieri dei diritti signorili, 4 Romano Canosa, Isabella Colonnello, op. cit. , pag. 100

Anteprima della Tesi di Christian Campigli

Anteprima della tesi: Ragazze di vita. Per una storia della prostituzione nella Firenze di età moderna, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Christian Campigli Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11683 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.