Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le donne e la mafia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 I riferimenti più rilevanti a gruppi mafiosi strutturati sono stati trovati in una serie di articoli e volumi pubblicati negli ultimi due decenni dell’Ottocento, scritti da diversi osservatori, la maggior parte dei quali ruota attorno alla “Scuola di Antropologia Criminale” di Lombroso. Nonostante le tesi esplicative proposte siano oggetto di numerose critiche, questi studiosi forniscono dei resoconti dettagliati e generalmente attendibili delle compagnie mafiose scoperte e sottoposte a giudizio in quel periodo. Nella prima edizione del libro “La Maffia” l’ufficiale di polizia Giuseppe Alongi descrive le associazioni di malfattori attive lungo le coste dell’isola, mentre la seconda edizione viene ampliata riportando i casi giudiziari del tempo. Tra questi, troviamo i sodalizi mafiosi che nel corso degli anni Settanta dell’Ottocento spadroneggiano nella zona settentrionale della Conca d’Oro; da queste testimonianze emergono alcune similitudini tra i rituali e la struttura organizzativa di queste associazioni mafiose e quelli descritti dai collaboratori di giustizia dei nostri giorni (Paoli, 2000) 1 . Recentemente, Lupo ha scoperto un documento inedito di grande interesse, conosciuto come il “Rapporto Sangiorgi”, che consiste in una collezione di trentuno rapporti di polizia stilati tra il novembre del 1898 e il febbraio del 1900 dall’allora Questore di Palermo Armando Sangiorgi con l’intenzione di delineare un quadro d’insieme della criminalità mafiosa nei dintorni della città. L’agro palermitano, afferma il Questore, è funestato da una vasta associazione di malfattori, organizzati in sezioni, divisi in gruppi, ognuno dei quali regolato da un capo; a queste compagnie di malviventi è 1 Se si desiderano informazioni più accurate sulle notizie contenute in questi documenti, si consiglia di consultare i seguenti volumi: L. Franchetti, Condizioni politiche ed amministrative della Sicilia, Vallecchi, Firenze, 1974; C. Lombroso, L’uomo delinquente Bocca, Torino, 1896; G. Alongi, La maffia, Sellerio, Palermo, 1977.

Anteprima della Tesi di Manuela Selva

Anteprima della tesi: Le donne e la mafia, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Manuela Selva Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 28154 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 72 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.