Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pubblicità e new media: tendenze recenti e prospettive

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L'utente, infatti, cliccando con il mouse sul banner, attiva un link diretto al sito dell'azienda. Non tutti i banner, però, sono egualmente efficaci. Molto dipende dalla loro posizione, dalle dimensioni e dal tempo di esposizione: la posizione del banner nella pagina incide in maniera statisticamente rilevante sul clic through rate (percentuale di clic degli utenti sul totale dei banner visti). Rispetto ai mezzi tradizionali, la pianificazione on line consente alle campagne pubblicitarie su Internet di abbinare la visualizzazione dei banner a tipologie diverse di utenti indipendentemente dal contesto che stanno consultando (targettizzazione dell'utente). Inoltre, con Internet è possibile abbinare la comunicazione pubblicitaria al contenuto della pagina web (targettizzazione del contesto). Importante caratteristica della pubblicità on line è infine la misurabilità. Grazie agli strumenti telematici e ad appositi software (Advertising Server), l'azienda inserzionista può controllare in real time l'andamento qualitativo delle sue campagne e fornire all'azienda committente un report che certifica il numero di impression e clic prodotti. Inizialmente si calcolava per la riuscita di una campagna on line il numero delle impression (CPI Cost-Per-Impression), ovvero delle visualizzazioni del banner sul sito inserzionista. Una forma più specifica di questo primo tipo di rapporto tra inserzionista e azienda è il Cost-Per- Thousand (CPM), ossia costo per migliaia di impression, simile alla quantificazione della pubblicità televisiva, riferita all'audience. In seguito si sono sviluppate altre forme di accordo, come il Cost-Per- Action (CPA), ovvero il costo a carico dell’inserzionista finalizzato a un’azione dell’utente, a seguito della visualizzazione di un banner e del successivo click, come l’iscrizione on line a una comunità. Un’ulteriore modalità di pagamento prende in considerazione la quantità di vendite (percentuale) generate dal banner (Cost-Per-Sale, CPS), grazie a particolari software che consentono di stabilire con esattezza da quale sito è arrivato il navigatore che ha fatto un acquisto on line. Il Cost-Per-Click (CPC) è il costo della pubblicità on line basato sul quantitativo di click effettuati dal

Anteprima della Tesi di Stefania Amadori

Anteprima della tesi: Pubblicità e new media: tendenze recenti e prospettive, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Stefania Amadori Contatta »

Composta da 334 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5339 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.