Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Reti neurali per la previsione a breve termine del PM10: il caso di Milano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1. INQUINAMENTO ATMOSFERICO DA PARTICOLATO 15 attualmente costituisce uno dei più importanti fattori dell’inquinamento atmosferico nelle aree urbane, compresa l’area metropolitana milanese. Figura 1.1: Particella di PM10 a confronto con un capello umano 1.2.1 Classificazione Esistono vari modi per classificare il particolato atmosferico e tra questi i più usati sono basati su distribuzione dimensionale, taglio e dosimetria Distribuzione dimensionale: [Whitby, 1978] In una tipica atmosfera urbana le par- ticelle aerodisperse hanno una distribuzione dimensionale a tre mode come quella mostrata in figura 1.2. Figura 1.2: Distribuzione dimensionale tipica delle particelle in atmosfera urbana [US EPA, 1996]

Anteprima della Tesi di Manuela Cecchetti

Anteprima della tesi: Reti neurali per la previsione a breve termine del PM10: il caso di Milano, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Manuela Cecchetti Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2151 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.