Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ginnastica a tempo di bit: analisi comparata delle cronache sportive italiane e russe in Rete

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 La prima apparizione di questa forma d'interconnessione è collegata, in qualche modo, alla Russia, o meglio all’ex-Unione Sovietica ed alla guerra fredda. Risale al 1969, quando il Ministero della Difesa statunitense creò un'agenzia, A.R.P.A., preposta allo sviluppo di una rete che potesse reggere al bombardamento nucleare, garantendo la continuità di comunicazione tra località diverse. Il progetto coinvolse centri di ricerca, università e qualche azienda privata, tutti in qualche modo legati all'attività militare e dotati di computer che all'epoca costituivano quanto di più moderno la tecnologia informatica americana potesse offrire. Contemporaneamente i Bell Laboratories (famoso centro di ricerca americano) stavano lavorando allo sviluppo di un sistema operativo, che sarebbe diventato uno standard per il mondo accademico e della ricerca, oltre che per molte applicazioni militari. L'unione di questi filoni avrebbe portato a quello che oggi è Internet. Il primo appalto per la costruzione della Rete fu concesso a una società chiamata Bolt, Beranak and Newman (B.B.N.) che collegò quattro università diverse: Stanford University, U.C.L.A. (University of California at Los Angeles), U.C.S.B. (University of California at Santa Barbara) e la University of Utah, usando linee telefoniche e installò in ciascuna di queste un I.M.P. (Information Message Processor), vale a dire un particolare computer che gestiva il traffico in Rete. L'impianto divenne attivo il 2 settembre 1969, e nacque Arpanet. Tutto il traffico che viaggiava su queste connessioni non era confidenziale e serviva prevalentemente a titolo di ricerca e sperimentazione. All'epoca i sistemi per trasmettere messaggi da una località all'altra non erano molto efficaci, con il tempo i progettisti riuscirono ad apportare le modifiche e le migliorie necessarie e già nel 1980 Arpanet si era trasformata in uno strumento vitale per le università e per i centri di ricerca americani. Nel frattempo, l’università dello Utah aveva messo a punto un sistema che rendeva possibile il trasferimento di file da un computer all’altro a distanza su Arpanet. Nel 1983 Internet divenne a tutti gli effetti la Rete delle reti, utilizzando Arpanet come dorsale (rete ad alta velocità che unisce tra loro altre reti locali). Nei primi anni Ottanta la N.S.F. costruì CSNET, una rete che univa le varie facoltà d'informatica statunitensi; alla fine degli anni Ottanta costituì nsfnet con lo scopo dichiarato di rimpiazzare Arpanet per mezzo di una Rete dorsale alternativa. L

Anteprima della Tesi di Alessia Delfabro

Anteprima della tesi: Ginnastica a tempo di bit: analisi comparata delle cronache sportive italiane e russe in Rete, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori

Autore: Alessia Delfabro Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1107 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.