Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cristo, un profeta tra Bibbia e Corano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 «Biblios: Libri 1 » poi latinizzato Biblia ed infine l’italiano Bibbia, con il significato di raccolta di libri e quindi per assimilazione di Libro per antonomasia, nel quale sono enunciate la Parola e gli insegnamenti di Dio all’uomo, tramite il suo Verbo, Cristo. Paragonare quindi il Corano alla Bibbia non è simmetrico, proprio perché, nonostante siano considerati entrambi libri sacri, hanno per le rispettive religioni valori molto differenti. Per i musulmani, il Corano è la Parola stessa di Dio, il suo Verbo, ed occupa la posizione centrale che Gesù Cristo ha nel Nuovo Testamento. Come per i cristiani il Verbo si è fatto uomo in Cristo, così si è fatto Libro per i musulmani. In un’ottica islamica possiamo affermare che il Corano come testo, è rappresentato da un uomo, Cristo, nella Bibbia. Dunque la Bibbia come libro, non ha nessun valore simmetrico col Corano. Eppure Bibbia e Corano, hanno molte cose in comune. Basti pensare alla presenza in ambedue i testi, dei nomi dei Patriarchi e dei Profeti biblici, tra i quali ritroviamo Gesù, prescelto tra i “preferiti di Dio”. Ciò che accomuna quindi, cristiani e musulmani, è la rivelazione e genesi del testo sacro. Per quanto riguarda la prima, bisogna partire dal concetto di rivelazione come tanzīl (discesa), sotto forma di Kitāb (Libro o Scrittura), corroborato dai versetti Cor. 10:94: «E se tu sei in dubbio su qualcosa che ti abbiam rivelato, domandane a quelli che leggono la Scrittura antica. Il tuo Signore t’ha mandato la Verità, non esser dunque perplesso e dubbioso»; dove 1 Secondo il Canone della Chiesa Cattolica, la Bibbia si compone di ben 73 volumi tra Antico e Nuovo Testamento, rispetto ai 5 (Pentateuco) componenti la Tôrâh ebraica e profeti, ed il solo volume del Corano, diviso in 114 Sure o Capitoli e 6263 Āyāt o versetti.

Anteprima della Tesi di Domenico Cocozza

Anteprima della tesi: Cristo, un profeta tra Bibbia e Corano, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Domenico Cocozza Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4974 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.