Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cristo, un profeta tra Bibbia e Corano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Kitāb è tradotto con i termini: Libro, Scrittura e verrebbe da dire Bibbia. La parola Kitāb, si rivela centrale a fini esegetici, tanto più che l’etimo del sostantivo, l’accomuna con la tradizione giudaico-cristiana dei Ketūbīm, ossia, libri agiografici; anche se comunemente, il valore attribuitole è quello di Scritture. Da qui, l’enigmatico senso del versetto coranico Umm al-Kitāb «Matrice del Libro» 2 , ripetuto tre volte all’interno del Corano stesso, cui la tradizione esegetica ha preferito dare il significato più alto di “Prototipo Celeste o Lettura Santissima” 3 . Partendo proprio dal versetto Cor. 10:94, è possibile riscontrare l’importanza della Bibbia nella visione musulmana ed il rispetto che si nutre per i testi sacri del passato, com’evidenziato in Cor. 87:18-19: «Ché queste cose son tutte scritte nelle pagine antiche, - le pagine di Mosè e d’Abramo»; dove tra l’altro è corroborata, la veridicità delle precedenti scritture rivelate. Tutto ciò fin qui enunciato, rientra appieno nel concetto ciclico dell’Islām, che concepisce la rivelazione come discesa. Per quanto riguarda invece, la genesi del testo sacro, essa è attribuita pienamente a Dio, che ne è “l’autore”, mentre l’uomo come sua creatura prescelta ne è il trascrittore, il mezzo, lo strumento più consono e preciso. Tali affermazioni sono da ritenersi molto simboliche, onde evitare di cadere nel problema reale, da sempre esistente in tutti i monoteismi e soprattutto nell’Islām, del contributo umano alla compilazione del testo 2 Cor. 43:1-4: «Nel nome di Dio, clemente misericordioso! H.M. - Per il Libro chiarissimo! - Noi ne facemmo un Corano arabo a che per avventura intendiate, - ed esso sta scritto presso di Noi nella Madre del Libro, ed è alto savio». Altrove nel Cor. 13:39, ha significato di Comunità Religiosa. 3 Con tale termine, si intende il prototipo divino del testo coranico, conservato su tavole ben custodite.

Anteprima della Tesi di Domenico Cocozza

Anteprima della tesi: Cristo, un profeta tra Bibbia e Corano, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Domenico Cocozza Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4974 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.