Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cristo, un profeta tra Bibbia e Corano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 divino. Per i cristiani la personalità dello scrittore sacro è normativizzata dalla volontà di Dio, che in quanto Essere superiore, ne impedisce gli errori in campo dogmatico e morale, oltre ad avvalersi del libero arbitrio concesso da Dio agli uomini; mentre nell’Islām, il testo sacro è coeterno a Dio, è già scritto nei cieli prima che in terra ed i “compilatori materiali”, non sono altro che “la mano del volere divino”. Mu4ammad, quindi, non è altro che un semplice trasmettitore 4 del testo divino, prescelto in modo insondabile dall’Eccelso. Collegato a questo concetto c’è l’ovvia intraducibilità del Discriminante tra il bene ed il male, altro nome per il Corano, che ha in se un recondito significato religioso. La differenza con la Bibbia in tale ambito, è abissale, poiché quest’ultima è tradotta in tutti gl’idiomi esistenti, proprio per il suo valore di solo “testo” divulgativo. A questo punto, è possibile definire che nell’Islām c’è un certo “rigore formale” anche nella consultazione del testo sacro, che per i cristiani è ormai decaduto da secoli. Alla venerazione di Dio, si affianca anche una venerazione del testo che da Lui è stato fatto discendere (nazzala) agli uomini. Alla visione della Rivelazione è possibile affiancare anche il problema della veridicità ed autenticità della genesi coranica, insieme alla sua trasmissione fino ai giorni d’oggi, che nonostante le varie polemiche sorte nel periodo di formazione del credo, primi secoli dell’Ègira, trova una piena rassicurazione in Dio stesso che come creatore ed autore “fa scendere” (cioè rivela), il testo sacro al suo ultimo profeta Mu4ammad, sotto dettatura divina in lingua araba, la 4 Cor. 75:16-19: «E tu, non muovere la lingua ad affrettarlo - che a Noi sta raccoglierlo e recitarlo - e quando lo recitiamo, seguine la recitazione - e poi a Noi spetta spiegarlo!»

Anteprima della Tesi di Domenico Cocozza

Anteprima della tesi: Cristo, un profeta tra Bibbia e Corano, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Domenico Cocozza Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4974 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.