Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I contratti di mediazione immobiliare e la tutela del consumatore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 Così sintetizzato, il modello formale della mediazione trova il suo punto di genesi nell’esperienza romana. Un contributo, quello offerto dal diritto romano, a cui la scienza giuridica europeo continentale farà riferimento, anche se trasformando e riadattando la struttura individuata con contenuti diversi. 2 Secondo le testimonianze rilevate nel titolo XIV, libro IV del Digesto 3 , dai frammenti ulpianei era nota la distinzione dell’attività del sensale da quella del mandatario e netta l’impossibilità di ricondurre l’attività del proxeneta in un contratto di locatio-condutio. In particolare, nei testi collocati nelle fonti storiche, il giurista coglie due profili fondamentali del rapporto di mediazione: la limitazione di responsabilità del proxeneta in riferimento all’esito dell’affare mediato, e l’attribuzione di un compenso che si definisce lecito 4 . Si evidenzia quindi una figura per la quale compito del mediatore è mettere in contatto due contraenti per la conclusione di un affare, entrando di conseguenza nel rapporto tra le due parti. 2 Cfr., M. Brutti, voce Mediazione (storia), op. cit., p. 12 e ss. 3 Le testimonianze più esplicite sullo schema mediatorio si trovano nel titolo de proxeneticis D. 50,14 composto in tre frammenti dai quali si rileva come in Ulpiano ed altri manca una trattazione autonoma de proxeneticis, cfr., M. Brutti, voce Mediazione op. cit., p. 14. 4 M. Brutti, voce Mediazione, op. cit., p. 14 , “da una analisi svolta da Ulpiano nel libro 42 ad Sabinum sulle diverse forme di furto e di complicità con i fures: D. 50,14, I (Ulp. 42 ad Sab.): Proxenetica iure licitur petuntur, inoltre, «Affermare che la pretesa ad una retribuzione sia lecita significa per Ulpiano, tradurre in regola l’osservazione di una prassi che è documentata dal frammento 3 (D. 50,14) e nella quale le controversie relative al compenso del proxeneta formano oggetto di cognitio extra ordinem.»

Anteprima della Tesi di Giorgio Scaglione

Anteprima della tesi: I contratti di mediazione immobiliare e la tutela del consumatore, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giorgio Scaglione Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7267 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.