Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia del giornalismo ungherese fino alla rivoluzione del '56

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Capitolo 1 STORIA DEL GIORNALISMO UNGHERESE 1.1. La libertà di stampa e la censura dagli anni ’20 agli anni ’40. Il 7 dicembre del 1918, il capo del governo ungherese Kàroly Mihaly, diede finalmente l’ ordine di ripristinare la libertà di stampa in tutta la Repubblica ungherese : la censura di guerra lasciava il posto alla ripresa della vendita dei giornali per le strade di Budapest. Nei primi mesi del 1919, qualche rotocalco di impronta rivoluzionaria ricevette il permesso di utilizzare liberamente la carta per la stampa : inutile dire che la vita di questi rotocalchi fu brevissima. Il Consiglio della Repubblica ungherese, ufficializzò in data 23 giugno 1919 la libertà di stampa, di parola e di pensiero. In realtà, ciò non si verificò all’ atto pratico e la libertà di stampa fu allora solo di tipo concettuale. Molti furono i giornali “vietati” dal governo, di settimana in settimana ed in numero sempre crescente. Verso la fine di giugno dello stesso anno, a Budapest si trovavano solo cinque giornali nazionali e venticinque quotidiani stranieri in circolazione.

Anteprima della Tesi di Taisia Ilaria Nobile

Anteprima della tesi: Storia del giornalismo ungherese fino alla rivoluzione del '56, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Taisia Ilaria Nobile Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2344 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.