Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il regolamento comunitario 1346/2000 relativo alle procedure d'insolvenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L’apertura delle frontiere permette un aumento della mobilità d’imprese e capitali e la maggior parte degli affari si svolge, di conseguenza, a livello internazionale. Molte imprese, dunque, possiedono sedi secondarie o capitali all’estero. Quando una di queste imprese subisce un crollo economico, le conseguenze si estendono oltre i confini dello Stato che ospita la sede principale dell’impresa. Proprio per questi motivi si dovrebbe formare, secondo alcuni autori 2 , un diritto commerciale internazionale avente alla base una disciplina del diritto fallimentare internazionale. Tale diritto dovrebbe consistere in un sistema di norme dirette a regolare organicamente le procedure collettive che nei diversi Paesi presentano carattere d’estraneità rispetto al territorio nazionale 3 . In realtà questi problemi sono sempre esistiti e riguardano sia Paesi industrializzati che di nuova industrializzazione, ma con l’instaurazione del Mercato Unico si sono fatti più pressanti, soprattutto perché è cambiato il regime giuridico utilizzato dalle grandi imprese. Mentre prima, infatti, le sedi estere erano strutturate come autonome, le cd società figlie, e il loro fallimento non coinvolgeva la società madre, con l’instaurazione del Mercato Unico le imprese sono incoraggiate a stabilire sedi estere sotto forma di filiali e di succursali e a creare con queste rapporti anche giuridici. Ora i problemi che derivano dall’insolvenza transnazionale riguardano soprattutto l’individuazione del giudice competente, la determinazione della legge applicabile e il riconoscimento dei provvedimenti pronunciati all’estero. In particolare si tratta di stabilire se una decisione dichiarativa di 2 Tra gli altri v. GOTTWALD, Insolvenze transfrontaliere: tendenze e soluzioni europee e mondiali, in Riv. Trim. Proc. Civ. 1999, p. 149 e ss. 3 PROTO, Verso un diritto fallimentare europeo, bilanci e prospettive, in Il fallimento, 1986, p. 941 e ss.

Anteprima della Tesi di Sara Garofalo

Anteprima della tesi: Il regolamento comunitario 1346/2000 relativo alle procedure d'insolvenza, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Sara Garofalo Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2223 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.