Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il distretto del mobile della bassa veronese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 alla subfornitura, esternalizzando le quote eccedenti la loro capacità produttiva, originando un processo di specializzazione per alcune delle fasi di produzione che portava ad un ulteriore aumento del numero delle unità produttive (accanto a quelle sorte da ex-dipendenti che organizzavano una propria produzione e vendita del mobile). Nonostante questa tendenza, nel distretto non si è evoluta questa specializzazione: poche aziende maggiormente strutturate esternalizzavano gran parte delle fasi, ma la miriade di piccole imprese, che svolgeva l’attività della subfornitura e riservava una parte della produzione alla vendita diretta, costruiva il mobile per intero, portando all’esterno solo le lavorazioni particolari, come la laccatura, la lucidatura, l’intaglio e l’intarsio. In senso orizzontale si è avuta una specializzazione per tipologia stilistica e di prodotto: anche se le aziende si sono concentrate soprattutto su alcuni degli stili ripresi o copiati nella Bassa veronese, come il veneziano (in passato particolarmente), si sono dedicate e specializzate solo in uno o due per azienda. Lo stesso non è avvenuto per i diversi tipi di mobile, in quanto la grande maggioranza produce arredamento per camere da letto, soggiorni e bagni. Il quadro delle imprese che vendevano mobili si presentava così composto: sul mercato esistevano ditte che si dedicavano solo alla produzione, sorte da apprendisti o artigiani che avevano maturato esperienza nel settore, alcune delle quali si erano ingrandite e avevano assunto connotazioni industriali, mentre altre erano rimaste imprese di piccole dimensioni ed a carattere familiare; accanto a queste si erano moltiplicate le aziende i cui titolari erano sempre stati impiegati in agricoltura, ma poi avevano cambiato settore e si erano messe a costruire mobili, approfittando del momento favorevole; infine si dedicavano alla vendita anche molte di quelle aziende che producevano per conto terzi, cercando margini maggiori con i clienti privati.

Anteprima della Tesi di Giovanni Pozzetti

Anteprima della tesi: Il distretto del mobile della bassa veronese, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giovanni Pozzetti Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2780 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.