Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Piccoli immigrati in Europa. Confronto tra le strategie di inserimento scolastico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 E chiaramente non possiamo pensare di accogliere questi nuovi immigrati con lo stesso spirito assistenzialista con cui lo si faceva nel secolo scorso (o con cui noi italiani venivamo accolti), perché cambiano il tipo di esigenze e bisogni che si hanno. Una classificazione chiara delle diverse tipologie di percorsi migratori è quella che fa Rita. Bertozzi 17 : è possibile individuare delle migrazioni che l’autrice definisce al maschile, in cui è il capofamiglia a emigrare da solo per motivi solitamente lavorativi, e altre denominate al femminile dove per lo più sono coinvolti paesi in cui storicamente è la donna a spostarsi, come per esempio il latino America, l’Est e le Filippine. A queste si affiancano altre tipologie che la Bertozzi chiama simultanea, perché i coniugi emigrano insieme, multipla perché segnata da lunghi e plurimi spostamenti alla ricerca di un’occupazione, e infine organizzata, caratterizzata dalla costruzione di una catena migratoria che prevede la migrazione dal paese di origine direttamente e stabilmente in una determinata città di arrivo. Non abbiamo più quindi, come in passato, una migrazione che si rifà solamente alla tipologia maschile e organizzata, ma un panorama plurimo e differenziato al suo interno. Importante è ricordare che, dipendendo dai progetti migratori di ciascun gruppo, ci possono essere diverse strategie di mantenimento e gestione del patrimonio culturale e familiare. Chi aspira a rimanere definitivamente a vivere nel paese che l’accoglie, per esempio, tende a uniformarsi a usi e costumi di quella società, enfatizzando meno la trasmissione del proprio patrimonio culturale ai figli; mentre per le famiglie che tendono a vivere l’esperienza migratoria come temporanea il processo d’integrazione è diverso. 17 BERTOZZI, R. Famiglie straniere e scuola italiana, in BASTIANONI, P. (a cura di) Scuola e immigrazione, Milano, ed. Unicopli, , 2001, cit., p.219.

Anteprima della Tesi di Laura Anzideo

Anteprima della tesi: Piccoli immigrati in Europa. Confronto tra le strategie di inserimento scolastico, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Laura Anzideo Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6346 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.