Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina delle professioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 INTRODUZIONE La regolamentazione delle professioni intellettuali costituisce ancora oggi uno dei temi più importanti e discussi. Le proposte di ridefinizione del sistema professionale non hanno ricevuto consensi unanimi da parte delle forze politiche e degli organismi di categoria che però concordano sull'urgenza di riformare tale sistema richiamandosi alla necessità di: – attribuire maggiore importanza alle attività professionali nei processi di sviluppo del Paese eliminando i vincoli e le rigidità che per molto tempo hanno caratterizzato il sistema professionale. Ciò è possibile se si prevedono dei meccanismi di accesso alle professioni che incentivano a migliorare in maniera costante la qualità delle prestazioni inducendo alla creazione di una comunità di lavoro fortemente competitiva; – ridefinire la concezione di tutela professionale, intesa fino ad oggi esclusivamente come sola ampia protezione degli operatori e che invece deve estendere la sua efficacia anche ai destinatari dei servizi professionali; – riconoscere che le logiche di scambio economico internazionale influenzano inevitabilmente il settore dei servizi e quindi anche quello delle professioni intellettuali. Il percorso di riforma ha avuto un importante sviluppo con il disegno di legge delega n. 5092, approvato il 3 luglio 1998 dal Governo Prodi (la cosiddetta "bozza Mirone") e definito successivamente nel programma del Governo D'Alema come il punto di partenza per la riforma delle professioni. Tuttavia tale disegno di legge è stato oggetto di numerose critiche innanzi tutto dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che l'ha giudicato vago nei contenuti e carente di quei caratteri direttivi che dovrebbero definirne la valenza. Dopo aver chiarito che il sistema verso cui si deve tendere è quello in cui la regola è rappresentata dall'iscrizione ad associazioni private fra professionisti e non più ad Ordini di natura pubblicistica, l'Autorità ha evidenziato i difetti del disegno di legge riguardo alla disciplina dell'accesso alla professione. Tale disegno, infatti, dovrebbe specificare l'obbligatorietà dell'iscrizione all'Albo di un Ordine unicamente per l'esercizio delle attività attribuite in esclusiva, mentre per tutte le

Anteprima della Tesi di Francesca Sara

Anteprima della tesi: La disciplina delle professioni, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Sara Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5515 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.