Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Pubblico Ministero nel diritto francese dell'Ottocento (1808-1882)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 condannati richiesero una sorveglianza di tipo attivo che sfociò, nel tempo, in una vera e propria complessa attività amministrativa 6 . Merlin 7 precisa che l’avvocato del fisco interveniva nelle controversie aventi ad oggetto le entrate dell’imperatore, le sue proprietà ed il tesoro in generale; i giudici non potevano decidere le cause senza aver preventivamente raccolto il parere dell’avvocato del fisco che, inoltre, era personalmente responsabile delle eventuali perdite o diminuzione di entrate e di diritti a danno dell’imperatore. Anche nella figura dei defensores civitatum, in verità, si possono scorgere alcuni aspetti originari tipici delle attribuzioni del Pubblico Ministero, tuttavia le loro funzioni non si spingevano oltre quelle di una generale difesa degli interessi comuni in virtù delle loro competenze di polizia 8 . Un’altra istituzione che sembra fornire indizi preziosi per comprendere l’origine oscura del Ministère Public è quella del salione. Di esso si hanno le prime notizie certe nei Capitolari di Carlo Magno ed è proprio sotto l’impero di quest’ultimo che si realizza la trasformazione del ruolo dell’avvocato del fisco in quello di un magistrato tutore delle leggi e protettore degli oppressi: il salione appunto 9 . Al salione era, infatti, affidato il compito specifico di rendersi parte, presso i tribunali, contro i trasgressori delle leggi, di costringere gli accusati alla comparizione innanzi al giudice, nonché quello di far eseguire le sentenze. 6 Cfr, J. M. Legraverend, Traité de la législation criminelle, Bruxelles 1839, p. 287. 7 P. A. Merlin, , Repertorio universale e ragionato di giurisprudenza, tradotto da una società di giureconsulti rappresentati dal sig. Ascona, Milano 1812-13, v° Pubblico Ministero. 8 Le attribuzioni di questi funzionari, in origine scelti solo fra gli affrancati, passarono in seguito a funzionari detti cavalieri. Cfr. J. L. E. Ortolan et L. Ledeau, Ministère Public, Introduction, p. XV e così anche, nello stesso senso, P. A. Merlin, Répertoire universel et raisonne de jurisprudence, Paris, 1807-1825, v° Ministère Public, § 1, p. 211. 9 J. M. Legraverend, Législation criminelle, p. 287.

Anteprima della Tesi di Simone Vismara

Anteprima della tesi: Il Pubblico Ministero nel diritto francese dell'Ottocento (1808-1882), Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Simone Vismara Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1221 click dal 17/06/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.