Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Pubblico Ministero nel diritto francese dell'Ottocento (1808-1882)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 ricchi come ai poveri, rifiutando di accettare qualsiasi favore e donazione e rinunciando a far sposare i propri figli con persone residenti nella loro circoscrizione di servizio 20 . La carica di balivo esigeva come requisiti saggezza, amor di Dio, bontà, capacità di ascoltare, conoscenza degli uomini e fermezza 21 . Un nuovo assetto organizzativo della giustizia reale si sviluppò verso l’inizio del XIV secolo. Al balivo fu affiancato un receveur avente il compito di riscuotere le imposte; successivamente comparvero ufficiali specializzati nella tutela degli interessi regi 22 : i procureurs du roi e gli avocats du roi, ufficiali questi che sono certamente all’origine del Pubblico Ministero intorno agli anni 1318 – 1329 23 . Nell’impossibilità di essere onnipresenti, i balivi prima e i procureurs e avocats du roi poi, si fecero rappresentare dai lieutenants 24 . La nascita del Ministère Public o meglio, delle funzioni più tipiche di questa istituzione, è dunque datata intorno al XIV secolo, epoca in cui gli avvocati e i procuratori del re, nominati per la difesa degli interessi del sovrano furono incaricati anche di rappresentarlo in causa 25 . Le antiche ordinanze testimoniano che i termini avocat du roi e procurateur du roi fossero tuttavia da intendersi, almeno in origine, in senso strettamente letterale, non 20 Regno di Francia, Les edicts et ordonnances des roys de France (ordinanza marzo 1319). 21 Per una trattazione esaustiva ed approfondita delle virtù dei balivi v. Philippe de Beaumanoir, Coutumes de Beauvaisis, Paris 1899, tome 1 er . 22 Cfr. Lemarignier, La France médiévale, Paris 1970, pp. 342-345. 23 A. Padoa Schioppa, Il diritto nella Storia d’Europa, p. 271. Sui procuratori e gli avvocati del re meritano di essere considerati: Ch. Bataillard et E. Nusse, Histoire des procureurs et des avoués (1483-1816), Paris 1882, 2 vol ; E. Berliat, De la règle «nul en France ne plaide par procureur hormis le roi»; son origine, sa portée pratique, sa valeur juridique, Maçon 1905; F. Astre, Les procureurs près le Parlement de Toulouse, Toulouse 1858; D. Bordier, La compagnie des avoués de Libourne 1790-1945, th. Droit, Bourdeaux 1973, 3 vol. dactyl. ; A. Estrangin, Les procureurs et les avoués à Marseille. Extraits de leurs archives (1588-1900), Marseille, 1900 ; M. Gosselin, Les procureurs prés le Parlement de Normandie, Acad. De sciences, belles-lettres et arts de Rouen 1866, n°68, p.350-371; L. Kœnig, La communauté des procureurs au Parlement de Paris aux XVIIe et XVIIIe siècles, th. Droit, Paris 1937; P. Parisot, Essai sur les procureurs au Parlement de Bourgogne, th. Droit, Dijon 1906. 24 Luogotenenti intesi nel senso di “facenti funzione”. 25 A. Morin, Droit criminel, p. 403.

Anteprima della Tesi di Simone Vismara

Anteprima della tesi: Il Pubblico Ministero nel diritto francese dell'Ottocento (1808-1882), Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Simone Vismara Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1221 click dal 17/06/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.