Skip to content

Il Pubblico Ministero nel diritto francese dell'Ottocento (1808-1882)

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 ricchi come ai poveri, rifiutando di accettare qualsiasi favore e donazione e rinunciando a far sposare i propri figli con persone residenti nella loro circoscrizione di servizio 20 . La carica di balivo esigeva come requisiti saggezza, amor di Dio, bontà, capacità di ascoltare, conoscenza degli uomini e fermezza 21 . Un nuovo assetto organizzativo della giustizia reale si sviluppò verso l’inizio del XIV secolo. Al balivo fu affiancato un receveur avente il compito di riscuotere le imposte; successivamente comparvero ufficiali specializzati nella tutela degli interessi regi 22 : i procureurs du roi e gli avocats du roi, ufficiali questi che sono certamente all’origine del Pubblico Ministero intorno agli anni 1318 – 1329 23 . Nell’impossibilità di essere onnipresenti, i balivi prima e i procureurs e avocats du roi poi, si fecero rappresentare dai lieutenants 24 . La nascita del Ministère Public o meglio, delle funzioni più tipiche di questa istituzione, è dunque datata intorno al XIV secolo, epoca in cui gli avvocati e i procuratori del re, nominati per la difesa degli interessi del sovrano furono incaricati anche di rappresentarlo in causa 25 . Le antiche ordinanze testimoniano che i termini avocat du roi e procurateur du roi fossero tuttavia da intendersi, almeno in origine, in senso strettamente letterale, non 20 Regno di Francia, Les edicts et ordonnances des roys de France (ordinanza marzo 1319). 21 Per una trattazione esaustiva ed approfondita delle virtù dei balivi v. Philippe de Beaumanoir, Coutumes de Beauvaisis, Paris 1899, tome 1 er . 22 Cfr. Lemarignier, La France médiévale, Paris 1970, pp. 342-345. 23 A. Padoa Schioppa, Il diritto nella Storia d’Europa, p. 271. Sui procuratori e gli avvocati del re meritano di essere considerati: Ch. Bataillard et E. Nusse, Histoire des procureurs et des avoués (1483-1816), Paris 1882, 2 vol ; E. Berliat, De la règle «nul en France ne plaide par procureur hormis le roi»; son origine, sa portée pratique, sa valeur juridique, Maçon 1905; F. Astre, Les procureurs près le Parlement de Toulouse, Toulouse 1858; D. Bordier, La compagnie des avoués de Libourne 1790-1945, th. Droit, Bourdeaux 1973, 3 vol. dactyl. ; A. Estrangin, Les procureurs et les avoués à Marseille. Extraits de leurs archives (1588-1900), Marseille, 1900 ; M. Gosselin, Les procureurs prés le Parlement de Normandie, Acad. De sciences, belles-lettres et arts de Rouen 1866, n°68, p.350-371; L. Kœnig, La communauté des procureurs au Parlement de Paris aux XVIIe et XVIIIe siècles, th. Droit, Paris 1937; P. Parisot, Essai sur les procureurs au Parlement de Bourgogne, th. Droit, Dijon 1906. 24 Luogotenenti intesi nel senso di “facenti funzione”. 25 A. Morin, Droit criminel, p. 403.
Anteprima della tesi: Il Pubblico Ministero nel diritto francese dell'Ottocento (1808-1882), Pagina 14

Preview dalla tesi:

Il Pubblico Ministero nel diritto francese dell'Ottocento (1808-1882)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Vismara
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Antonio Padoa schioppa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 196

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pubblico ministero
storia del diritto francese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi