Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lavoro interinale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAP.1 DAL “CAPORALATO” ALLA LEGGE N. 1369 DEL 1960. 1. Origine e ratio del divieto di appalto di manodopera. Il divieto di appalto di manodopera ha avuto un passato glorioso essendo il risultato della sentita lotta al cosiddetto ‘’caporalato’’ e alle forme estreme di speculazione parassitaria del lavoro altrui. Tale divieto di intermediazione affonda le proprie radici negli anni cinquanta, affermandosi in seguito agli interventi della Commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni dei lavoratori in Italia. La situazione del nostro paese in quegli anni registrava forme di decentramento inteso soprattutto nel senso di sfruttamento dei lavoratori a completo vantaggio della classe degli pseudo appaltatori di mera manodopera, interessati, esclusivamente, alla realizzazione di un proprio incessante lucro . Ecco che il legislatore italiano, abbandonando le questioni di tipo astrattamente teorico, scende in campo direzionando i propri interventi verso una disciplina marcatamente proibizionista, tesa a disincentivare nel complesso ogni forma di interposizione e intermediazione nelle prestazioni di lavoro.

Anteprima della Tesi di Gianluca Desiderio

Anteprima della tesi: Lavoro interinale, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianluca Desiderio Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2540 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.