Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"Beloved" di Toni Morrison: dalla pagina allo schermo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I 14 (Propp) e della scuola strutturalista (Todorov, Barthes), sono state molte e diverse le posizioni sul valore e il significato più o meno importante dei personaggi rispetto alla trama (Chatman, 1978: 108-119). Questi rimangono comunque uno degli elementi essenziali dei testi narrativi, come conclude Chatman: Stories only exist where both events and existents occur. There cannot be events without existents. And though it is true that a text can have existents without events (a portrait, a descriptive essay), non one would think of calling it a narrative (ibid.: 113). Secondo lo studioso, il personaggio viene ricostruito dal destinatario del testo a partire da una serie di ‘indizi’ presenti all’interno della narrazione (ibid.: 119), che possono definire in modo più o meno completo ed esplicito le caratteristiche fisiche e psicologiche dei protagonisti della storia. E’ interessante soffermarsi non tanto su quali siano queste caratteristiche, quanto osservare come, a seconda del mezzo espressivo utilizzato, i personaggi vengano presentati diversamente in un testo scritto e in uno audiovisivo. Una differenza fondamentale è stata colta e descritta in modo efficace da Bettetini: Nel testo letterario, qualunque rappresentazione, anche la descrizione più minuziosa di un carattere o di un oggetto, lascia sempre un ampio margine interpretativo all’integrazione fantastica del lettore, perché si realizza per mezzo di segni astrattamente simbolici; nel testo audiovisivo, invece, tutto si definisce in una semiosi molto più costrittiva e direttiva, perché si manifesta per mezzo di segni iconici fortemente motivati sia nel loro rapporto dinamico con l’oggetto, sia nella verosimiglianza che presiede (quasi sempre) alle loro strutturazioni discorsive (Bettetini, 1984: 79). Il testo letterario deve necessariamente presentare gli elementi della descrizione di un personaggio in modo lineare e successivo, prevedendo così che il lettore faccia sempre ricorso all’immaginazione per completare il testo e creare la sua immagine mentale del personaggio. Il testo cinematografico, in questo senso, dispone di mezzi espressivi molto più ‘potenti’, in grado di presentare simultaneamente, attraverso immagini e suoni, molte particolarità – fisiche e

Anteprima della Tesi di Alice Cominotti

Anteprima della tesi: "Beloved" di Toni Morrison: dalla pagina allo schermo, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori

Autore: Alice Cominotti Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3989 click dal 28/05/2007.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.