Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Moda e caratterizzazioni nazionali: testi e variazioni. La costruzione identitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 rispetto al luogo, al momento e alla soggettività di produzione, dall’altra egli riempie i valori e i posti previsti dalla grammatica narrativa di contenuti semantici condivisi, di figure e di temi che rendono conto in maniera più diretta del significato dell’enunciato, del suo valore di senso» (Marsciani – Zinna, 1991) Le strutture discorsive si articolano, come abbiamo visto per le strutture semio-narrative, in una componente sintattica ed una componente semantica. La sintassi discorsiva si fa carico della messa in discorso delle strutture narrative, attraverso una attorializzazione (conversione nel discorso delle strutture attanziali), una spazializzazione e una temporalizzazione, le quali mettono in relazione l’enunciato con l’istanza di enunciazione. Ad un livello ulteriore, la semantica discorsiva instaura l’opposizione tra discorso astratto e discorso figurativo; i valori strutturati dalla grammatica narrativa vengono investiti attraverso la tematizzazione e la figurativizzazione, le quali, coerentemente rispetto all’intero percorso generativo, sono l’una l’elemento astratto dell’altra. Vediamo più nel dettaglio come i diversi aspetti del livello discorsivo vengono resi operativi all’interno del testo. La messa in discorso delle strutture profonde avviene ad opera dell’istanza dell’enunciazione, la quale agisce attraverso due meccanismi complementari e reversibili: il débrayage e l’embrayage. Il débrayage viene definito da Greimas e Courtés come «l’operazione con cui l’istanza dell’enunciazione disgiunge e proietta fuori di sé, al momento dell’atto di linguaggio e in vista della manifestazione, certi termini legati alla sua struttura di base per costituire così gli elementi fondatori dell’enunciato-discorso» (Greimas – Courtés, 1979); esso si configura dunque come l’operazione attraverso la quale l’istanza di enunciazione, sincretismo di un “io”, di un “qui” e di un “ora”, proietta al di fuori di sé uno o più di questi aspetti, dando luogo all’enunciato.

Anteprima della Tesi di Elisa Bianchini

Anteprima della tesi: Moda e caratterizzazioni nazionali: testi e variazioni. La costruzione identitaria, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Bianchini Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4229 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.