Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing relazionale nella grande distribuzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 CAPITOLO I. LA PROSPETTIVA RELAZIONALE NEL MARKETING: IL VALORE DELLE RELAZIONI CON IL CLIENTE 1.1 Il relationship marketing: origini, definizione e concettualizzazione Il termine marketing relazionale è diventato di uso comune tra coloro che si occupano di marketing, sia dal punto di vista professionale che da quello accademico, nell’ultimo decennio, quando le leve del marketing tradizionale, le quattro P 1 di prodotto, prezzo, punto vendita (place, ovvero distribuzione) e promozione (promotion, ovvero comunicazione) si sono rivelate non più efficaci nella definizione di una strategia di marketing. I concetti di base del marketing relazionale sono stati elaborati nel nord Europa alla fine degli anni ’70 da quella che è stata definita la “scuola svedese di marketing industriale” 2 , che studiava i processi di scambio nei mercati caratterizzati da clienti poco numerosi e prodotti di elevato valore economico unitario, tipici del settore industriale (business to business). Tali concetti sono stati in seguito applicati anche in altri contesti, come quello dei servizi privati o dei beni di largo consumo che, date le loro caratteristiche, sono prevalentemente intangibili e spesso inscindibili da un rapporto umano diretto, e che dunque ben si prestano a portare in primo piano la necessità di interazione diretta con il cliente. 1 A tale proposito Robert Lauterborn (1990) ha ipotizzato il passaggio dalle tradizionali “quattro P” del marketing che rappresentano gli elementi fondamentali che compongono il marketing mix alle “quattro C”: Customer need, Cost to consumer, Convenience, Communication. 2 In particolare ci si riferisce ai risultati delle linee di ricerca condotte, negli anni Settanta, dalla Scuola Nordica nell’ambito dei servizi (Grönroos e Gummerson) e dall’Industrial Marketing Group (Hakansson, Johansson e Mattsson).

Anteprima della Tesi di Alessio Giacomini

Anteprima della tesi: Il marketing relazionale nella grande distribuzione, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alessio Giacomini Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17955 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.